Parole non ne abbiamo più.

Le abbiamo esaurite, come i nostri sistemi nervosi, messi evidentemente a dura prova, cosi come la nostra pazienza di cittadini.

Quelli buoni e coscienziosi ovviamente.

Non sapendo più dove andare a parare o “sparare”, con spiacevoli parole ed inqualificanti aggettivi, che ormai non bastano più, ci “affidiamo” all’ennesimo, indecoroso “spettacolo”, di palese inciviltà.

Condita dalla superficialità, approssimazione e discutibile “politica”, di un’amministrazione comunale in chiarissima difficoltà, decisionale ed organizzativa.

Cosa e chi dobbiamo aspettare per poter vivere in una città quantomeno “non zozza”?

A noi, cosi come alla maggior parte dei cittadini che pagano la tassa sui rifiuti, di chi sarà il prossimo presidente, e di chi gestirà l’Akrea, semmai, non ce ne può fregare di meno.

Mettetevi una mano sulla coscienza, che di tale squallore ne abbiamo abbastanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here