​Riceviamo e pubblichiamo

Consorzio di Bonifica “IONIO CROTONESE”

Effrazione con tentativo di incendio doloso ai danni della. sede amministrativa del territorio Castella Capo Colonna sita in contrada Sant’Anna nel comune di Isola Capo Rizzuto.

Pare che sia stato solo una fortuna che i danni materiali subiti negli uffici di Isola Capo Rizzuto del Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese risultino, per fortuna, lievi.
L’allarme è scattato nelle primissime ore del mattino perché i lavoratori del Consorzio si recano ad aprire quegli uffici proprio alle 7,15 circa di ogni giorno.

Lo scenario ai loro occhi è stato forte perché, oltre a trovare scardinato il portoncino d’ingresso, gli stabili erano colmi di fumo e fuligine. Dalla sede di Crotone si precipitava dunque il geometra Alberto Perazza, responsabile dell’Unità Operativa, che è subito accorso anche per dare maggiore informazioni e supporto possibile ai Carabinieri di Isola Capo Rizzuto che erano già intervenuti sul luogo.

La miccia utilizzata per il chiaro tentativo di incendio doloso dei locali ha solo bucato il tavolo di legno su cui era stata posta ed è caduta sul pavimento non facendo propagare le fiamme; saranno i rilievi e le indagini a chiarire se si è trattato di un errore voluto o meno quello che ha impedito che l’atto intimidatorio provocasse maggiori danni.

“Esprimo ferma e decisa condanna” –dichiara il Presidente Roberto Torchia- “e sono certo che le forze dell’ordine faranno chiarezza su questo squallido episodio.

Sono altresì certo che l’eccezionale squadra di cui dispone il Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese tutto” – ha voluto proseguire Torchia – “saprà confortare e supportare nel migliore dei modi possibili tutti i lavoratori che hanno diritto di non sentirsi mai in trincea.”  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here