È il giorno dell’ottavo assessore della Giunta Pugliese.

Nella tarda mattinata infatti, è stato ufficializzato l’incarico con delega all’Urbanistica per Salvatore De Luca, detto Rori, che va quindi a completare la Giunta comunale, occupando una posizione, quella legata all’Urbanistica, Pianificazione Territoriale e Programmi Complessi, attesa, importante e strategica.

La nomina di De Luca arriva, non a caso, nel momento giusto ed amministrativamente più opportuno, e aggiunge di fatto, una ulteriore dose di competenza, professionalità ed entusiasmo alla squadra di Ugo Pugliese.

Cosi come dimostrano infatti le sue prime, molto chiare, convinte ed ottimistiche dichiarazioni da assessore comunale.

“Oggi è un giorno diverso e speciale. Ho imparato a non temere il cambiamento, ma addirittura a cercarlo. 

E so che questa è un’opportunità. 

Per quasi venticinque anni ho assistito progetti, coltivato idee, sostenuto imprese. 

Mi sono occupato da avvocato di società, fondazioni, Trust, iniziative industriali, azioni commerciali, ambiente, patrimoni, investimenti, amministrazione; ho acquisito esperienze in decine di consigli di amministrazione e compiuto operazioni importanti. 

Ho avuto successo. Ma la mia vera sfida inizia adesso. Adesso ho un privilegio che non a tutti viene concesso. 

Mettere queste esperienze al servizio del bene comune. 

Trasformare il pensiero in azione, passare dalle parole ai fatti. Grazie al mio sindaco. 

Consideravo con sufficienza la politica, e me ne stavo a guardare con una buona dose di presunzione il lavoro degli altri, per giudicarne l’insuccesso. 

Ed a lamentarmi delle condizioni della mia città, dalla quale mi sono allontanato per cercare altrove lo sviluppo del mio potenziale. 

Un anno e mezzo fa però, ho percepito un segnale ed ho accettato di seguirlo. Ho seguito Ugo Pugliese che è diventato il mio sindaco. 

Ho continuato a seguirlo sui temi che mi sono congeniali. 

Certo che per Crotone possono esserci grandi speranze ed obbiettivi importanti. 

Da tempo ho maturato una certezza: mai come oggi Crotone ha la possibilità di decidere del suo destino, di scrivere la sua storia. 

Sviluppo, crescita, occupazione non sono miraggi riservati al resto del mondo e negati ai crotonesi, per volere d’altri. 

L’occasione è reale. Il nuovo governo comunale ha realizzato un cambiamento straordinario; silenzioso e poco appariscente (almeno per ora). 

Ha procurato a Crotone una vera chance. Aeroporto, porto, bonifica, piano strutturale, convenzione ENI. Tutto è connesso. 

Per la prima volta possiamo decidere di noi stessi. Syndial è al lavoro per presentarci il suo primo vero progetto operativo di bonifica. 

Dopo aver rinunciato ai propositi più convenienti; ad una facile e frettolosa pulizia di superficie. 

Per fare ciò che Crotone e i Crotonesi hanno chiesto. 

ENI è da mesi seduta al tavolo di Crotone (non a Roma o altrove ma qui) con i suoi vertici. Ci offre di sanare un passato discutibile, di condividere un presente industriale e di pianificare insieme il futuro delle sue attività, concorrendo ai risultati economici. 

Questo ci consente di sorvegliare il nostro ambiente e proteggere la nostra salute; rende disponibili risorse economiche, tecnologiche e progettuali illimitate. 

Al contempo ci impone di sapere cosa vogliamo essere. Come vogliamo investire il nostro potenziale. 

Che Crotone sceglieremo ? 

Le mie idee sono molte. 

Molte sono già in campo e pronte per essere tradotte in proposte concrete e divenire fatti. 

Sono riconoscente al sindaco per avermi voluto al suo fianco su temi così determinanti e sono pronto a ricambiare la sua fiducia. 

Il mio lavoro è già iniziato e non ha certo riflessi di interesse. 

Ai tanti che mi hanno chiesto “ma chi te lo fa fare ?”, ho risposto che di certo non ho interessi materiali ma un desiderio molto più forte di concorrere a cogliere l’occasione che ci viene concessa e sarà irripetibile. 

Un maestro molto più grande ha detto “siate il cambiamento che volete vedere nel mondo”. 

Un compito è stato affidato. 

Ora occorre agire e realizzare i sogni di Crotone”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here