“Il centrodestra sul piano regionale e anche provinciale, non mi pare abbia oggi un movimentismo così palese…

Di Forza Italia apprezzo l’impegno di Sergio Torromino, perché è un bravo imprenditore, una squisita persona.

Ma a Crotone è comunque un fatto di assoluta novità, quindi, aspettiamo ancora che vi sia una azione politica tangibile sul territorio”. 

Sindaco Bruno, cogliamo una “leggera” vena polemica nelle sue dichiarazioni in merito all’organismo provinciale del suo partito o ci sbagliamo?

“La verità è che ad oggi non abbiamo avuto la possibilità di incontrare nessuno dei rappresentanti nominati in Forza Italia, né chi ci ha “utilizzati” nel passato ha avuto poi il buonsenso di contattarci. 

L’unico vero gruppo consiliare targato Forza Italia è a Isola Capo Rizzuto, ma nessuno è stato contattato. 

Ci auguriamo che almeno in questo vi sia una inversione di tendenza.

E mi riferisco al fatto che avrebbero dovuto contattarci, prima di assumere decisioni in merito alle nomine fatte a livello provinciale”.

Vi sentite in qualche modo vittime di “discriminazione” politica?

“Se per “discriminazione” politica intende il fatto di non essere stato minimamente interpellato, si. 

Non è polemica – precisa Gianluca Bruno – ma solo una constatazione di fatto. 


Poi ognuno continua la propria vita ed il proprio percorso.

E noi preferiamo continuare a confrontarci direttamente con la gente.

Ho letto di alcune battaglie da loro intraprese, che credo siano giuste. Con un gruppo esterno a supporto però, si potrebbe fare di più e meglio.

Perché i tempi per chi fa politica purtroppo non sono dei migliori, la sfiducia è tanta, quindi più si è meglio è”.

LASCIA UN COMMENTO