Riceviamo e pubblichiamo

Crotone li mercoledì 22 novembre 2017

Pregevolissimo Signor Sindaco

Ugo Pugliese

Piazza della Resistenza, n° 1

88900 CROTONE (KR)

Pregevolissimo Signor

Presidente del Consiglio

Serafino Mauro

Piazza della Resistenza n° 1

88900 CROTONE (KR)

Protocollata a mano

Oggetto: interrogazione al Signor Sindaco ai sensi dell’articolo 38 del Regolamento sul funzionamento degli organi di governo, relativamente alla costituzione urgente della Consulta sull’ambiente.

Pregevolissimo Signor Sindaco,

    alla luce delle importanti problematiche ambientali che riguardano la città di Crotone, il prossimo impegno della bonifica, le concessioni esistenti sul territorio e le problematiche ad esse connesse, Le chiediamo di volere costituire d’urgenza la Consulta sull’Ambiente, già esistente nella passata legislatura, coinvolgendo le associazioni ambientali più rappresentative sul territorio.

Rimaniamo in attesa di Sua cortese risposta scritta a termini di Regolamento, Le inviamo deferenti Ossequi.

I Consiglieri Comunali   

Professore Tommaso Pupa

Professore Francesco Pesce

Avvocato Massimiliano Bianchi

Crotone li lunedì 20 novembre 2017

Pregevolissimo Signor Sindaco

Ugo Pugliese

Piazza della Resistenza, n° 1

88900 CROTONE (KR)

Pregevolissimo Signor

Presidente del Consiglio

Serafino Mauro

Piazza della Resistenza n° 1

88900 CROTONE (KR)

Protocollata a mano

Oggetto: Seconda interrogazione al Signor Sindaco ai sensi dell’articolo 38 del Regolamento sul funzionamento degli organi di governo, relativamente alla questione SACAL.

Pregevolissimo Signor Sindaco,

    facciamo seguito alle precedente nostra interrogazione sul punto, dobbiamo dire rimasta inspiegabilmente senza riscontro, per confermarle la viva nostra preoccupazione per quanto sta accadendo alle porte della Città di Crotone, relativamente alla riapertura agognata dell’aeroporto “S.ANNA” di Isola di Capo Rizzuto, questione che preoccupa particolarmente tutta la cittadinanza del territorio. Consapevoli che SACAL è questione che non riguarda la Sua figura istituzionale, riteniamo però che in qualità di Amministrazione della Città Capoluogo di Provincia, occorra essere incisivi nei confronti di SACAL e pretendere una maggiore trasparenza; le poniamo, dunque, i seguenti quesiti, affinché essi siano di sprone ad una sua forte presa di posizione con il Presidente della Regione Calabria e con SACAL:

  1. Quali garanzie abbiamo preteso ed ottenuto per l’abbandono del contenzioso SAGAS vinto in primo grado?

  2. Possiamo a questo punto conoscere il piano trentennale industriale della SACAL per l’aeroporto S. Anna e quali sono le garanzie chieste ed ottenute da SACAL per la legittima tutela degli interessi locali, per come già chiesto nella precedente interrogazione?

  3. Quanto alla forza lavoro già utilizzata dalla Società “S.ANNA S.P.A.”, con quali criteri è stato selezionato il personale parzialmente assorbito?

  4. La situazione finanziaria della SACAL, già valutata come critica dai Revisori dei Conti della Città Metropolitana di Reggio Calabria con parere negativo, è idonea a sostenere i notevoli costi gestionali dell’aeroporto “S. Anna”?

  5. Qual’è il vettore che volerà su Isola Capo Rizzuto? Quali tariffe saranno applicate?

  6. Non ritiene utile convocare un Consiglio comunale ad hoc, per come fatto in precedenti occasioni, al fine di parlarne con tutti i soggetti interessati?

  7. In definitiva, la nostra amministrazione sta sorvegliando l’evoluzione della vicenda, che sembra indirizzata verso una riapertura momentanea, parziale, senza un valido progetto nell’interesse della nostra comunità?

Rimaniamo in attesa di Sua cortese risposta scritta a termini di Regolamento, Le inviamo deferenti Ossequi.

I Consiglieri Comunali   

Professore Tommaso Pupa

Professore Francesco Pesce

Avvocato Massimiliano Bianchi

Crotone li mercoledì 22 novembre 2017

Pregevolissimo Signor Sindaco

Ugo Pugliese

Piazza della Resistenza, n° 1

88900 CROTONE (KR)

Pregevolissimo Signor

Presidente del Consiglio

Serafino Mauro

Piazza della Resistenza n° 1

88900 CROTONE (KR)

Protocollata a mano

Oggetto: interrogazione al Signor Sindaco ai sensi dell’articolo 38 del Regolamento sul funzionamento degli organi di governo, relativamente alla Deliberazione della Giunta Comunale n° 335 del 16.11.2017.

Pregevolissimo Signor Sindaco,

    apprendiamo dal sito istituzionale del Comune di Crotone che la Giunta Municipale in data 16 novembre 2017, con deliberazione n° 335, ha apportato una consistente variazione al Bilancio Comunale, adottando la procedura di cui all’articolo 175, comma IV°, del TUEL, ossia in urgenza. La questione, unita alla circostanza che sono quasi due mesi che la S.V. non convoca il Consiglio Comunale per l’espletamento delle funzioni regolamentari, ci impone di chiederle dei chiarimenti non desumibili dagli allegati al deliberato dell’esecutivo:

  1. Come mai si è dato accesso alla procedura prevista dall’articolo 175, IV° comma, del TUEL, invece che convocare velocemente il Consiglio Comunale, Organo istituzionalmente competente a decidere e valutare l’argomento, e che da quanto a conoscenza degli scriventi era anche in fase di convocazione?

  2. Quali sono le singole motivazioni di urgenza che imponevano la deliberazione di Giunta in luogo della convocazione del Consiglio Comunale nel ragionevole periodo di tempo di dieci giorni al massimo, anche in ragione dell’evidente esistenza della documentazione a sostegno della deliberazione di Giunta? Tale antecedente disponibilità documentale  è facilmente desumibile dalla circostanza che i documenti erano giunti al Collegio dei revisori con tale anticipo da consentire il giorno 14.11.2017 l’emissione del relativo parere – nel senso esposto il parere dei revisori porta l’intestazione “Proposta G.M. n° 386/2017 del 06.11.2017” — come d’altra parte è spesso successo nel caso degli altri Consigli Comunali convocati, tenutisi in alcuni caso lo stesso giorno dell’arrivo del parere dei revisori! Ancor più grave è rilevare che il parere allegato del Dottore Piscitelli Francesco Giuseppe relativo alla regolarità contabile della proposta di deliberazione è addirittura datato il 06.11.2017 (anche se in verità gli scriventi non riescono a spiegarsi come abbia potuto il Dottore Piscitelli già conoscere in data 06.11.2017 che la Deliberazione di Giunta definitiva sarebbe stata fatta il 16.11.2017, ed avrebbe avuto il numero progressivo 335, come leggibile nell’intestazione del parere tecnico richiamato), con la conseguenza che alla data di riunione della Giunta Comunale del 16.11.2017 bene si sarebbe potuto convocare lo stesso Consiglio Comunale.

  3. Può esplicitarci i motivi di urgenza per ciascuno dei punti di variazione assunti (ben 55 punti di variazione tra entrate ed uscite, per un complessivo in aumento di spesa pari ad euro 11.182.147,00 (undicimilionicentoottantaduemilacentoquarantasette/00), anche se pareggiate, dal momento che nella Deliberazione 335/2017 si cita genericamente ed in unica soluzione “l’urgenza”, del pari a quanto leggibile nel parere dei revisori dei conti, quest’ultimo del tutto generico e non intellegibile?

  4. E’ sua intenzione convocare il Consiglio Comunale entro il termine del 31.12.2017 per ratificare la deliberazione di Giunta Comunale come previsto dalla normativa d’urgenza invocata?

  5. E’ consapevole che la mancata ratifica del deliberato di Giunta comporterebbe la perdita di efficacia della decisione assunta dalla Giunta Comunale?

  6. Da ultimo, non possiamo che notare l’assenza del Dirigente al Settore Dottore Vilone nella firma dell’atto, sembra che Egli sia stato posto in ferie, non era opportuno attenderne il rientro, affidandosi all’esperienza ed alla titolarità del predetto nella compilazione di tale delicato atto amministrativo?

Nel ribadirle che il Consiglio comunale è stato eletto nel corso di una democratica votazione e che Esso ha specifici compiti di controllo e verifica, La invitiamo a sospendere l’esecuzione della Deliberazione 335/2017 in caso di ritenuta mancanza di effettivi motivi di urgenza, a convocare il Consiglio Comunale per deliberare, chiarendo i punti sopra evidenziati.

Rimaniamo in attesa di Sua cortese risposta scritta a termini di Regolamento, Le inviamo deferenti Ossequi.

I Consiglieri Comunali   

Professore Tommaso Pupa

Professore Francesco Pesce

Avvocato Massimiliano Bianchi

La quarta interrogazione dei tre consiglieri comunali, è relativa al presunto stato di degrado in cui verserebbe il Castello di Carlo V

LASCIA UN COMMENTO