C’era tanta gente questa mattina all’interno dell’area “Day Hospital” di Oncologia del San Giovanni di Dio di Crotone.

C’era tanta gente, tantissima, e col cuore grande, grandissimo…

Forse, più di forse, anche provato e dilaniato dal dolore, dalla pena, dalla sofferenza.

E spesso, dove non arrivano piccoli o grandi gesti d’affetto o esternazioni di amore e solidarietà che siano, a destinazione invece, nel cuore e nell’animo di chi soffre, di chi è solo, di chi ha paura, fanno breccia i pensieri, le parole, i racconti, i romanzi, i libri, che raggiungono gli angoli più intimi, e le mete più nascoste e impensabili del nostro essere cosi fragilmente uomini.

A chi non è mai capitato infatti, di trovare risposta, sollievo e anche conforto, in una semplice frase, in una poesia, in una storia vissuta, o in un pensiero che sembra essere proprio il tuo?

Ecco, crediamo, anzi siamo convinti che è stata proprio questa la molla che ha spinto la collega giornalista Francesca Caiazzo, a realizzare, dopo mesi di lodevole impegno e minuzioso lavoro di raccolta e organizzazione, una ricca biblioteca dedicata al reparto di Oncologia dell’ospedale di Crotone.

Non una biblioteca qualsiasi, bensì invece: La biblioteca della vita…

Perché, “verba volant, scripta manent”, proprio come il forte e dolcissimo ricordo di chi oggi non c’è più, ma continua a vivere, impresso nei nostri occhi, nella nostra mente, nel nostro cuore.

LASCIA UN COMMENTO