Non riposa mai Michele Affidato.

Del resto, considerati i numerosi ed importanti appuntamenti nella sua agenda, diversamente non potrebbe essere.

Il maestro orafo crotonese infatti, il prossimo 15 marzo sarà a Reggio Calabria, per la consegna del premio speciale Pitagora d’Argento a Gianni Morandi.

Nel frattempo però, all’interno del suo “magico” laboratorio, li dove tutto si crea, ci consegna il suo  personale bilancio relativo all’ultimo Festival di Sanremo.

“Sono molto soddisfatto di come è andata, perché abbiamo vissuto un bellissimo Festival.

È stata una settimana intensa e piena di soddisfazioni, sotto tutti i punti di vista, ma prima di tutto però, per il Premio Mia Martini, calabrese come me, assegnato proprio al mio grande amico Ron.

Un premio che mi ha molto emozionato, anche per il brano, che Rosalino ha scritto per il grande Lucio Dalla.

Impegno anche sociale poi, grazie al convegno che ha visto la presenza del presidente nazionale Unicef, appuntamento nel quale abbiamo parlato del delicato e attuale problema dei migranti”.

LASCIA UN COMMENTO