L’avvertimento/ultimatum a tempo di Ugo, guidato, programmato e non certo casuale, era inevitabilmente destinato a tutti.

Ma a saltare però, al momento, saranno solo in due, con Antonella Cosentino che, soltanto “ammonita”, continuerà a fare l’assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione, ma non più la vice sindaca.

La prof infatti è abbastanza apprezzata, e nonostante le mille difficoltà ed una certa “resistenza” alla cultura della nostra realtà, sta svolgendo un apprezzabile lavoro, e dunque, verrà confermata.

Dovrà però suo malgrado cedere lo scettro di vice Pugliese, al redivivo e attuale presidente di Crotone Sviluppo Leo Pedace, (che aveva già incontrato il sindaco nei giorni scorsi), e che diventerà anche il nuovo assessore ai Lavori Pubblici in luogo dell’ormai “ex amico” Tommaso Sinopoli.

A “casa” anche Caterina Caccavari, vittima sacrificale di turno, che consegnerà l’assessorato ai Quartieri e Verde Pubblico, al consigliere “marinaio” e capogruppo di Laboratorio Crotone Mimmo Mazza.

In Consiglio comunale di conseguenza, siederà la prima dei non eletti della stessa lista, ovvero Roberta Foresta.

Ultimato il primo tagliando della Giunta Pugliese, che dovrebbe consumarsi subito dopo Pasqua, la macchina comunale, nuovo assetto amministrativo compreso, ripartirà per tastare il motore, e solo strada facendo, magari con destinazione Catanzaro, si capirà se ci sarà necessità di un’altra sosta in officina.

Perché le vie che portano alla Cittadella, sono infinite, e la primavera del 2019, non è poi cosi lontana come sembra…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here