Riceviamo e pubblichiamo


“Abbiamo visto cammello adesso dobbiamo pagare moneta”.

Ha utilizzato, all’incontrario, la metafora che ha usato più volte il sindaco di Crotone Ugo Pugliese per descrivere l’impegno che i sindaci del territorio intendono mettere in campo per sostenere l’attività volativa dell’aeroporto S. Anna.

Lo ha fatto al termine dell’incontro che ha avuto con i colleghi sindaci dei comuni della provincia nella Sala Giunta alla vigilia della annunciata conferenza stampa che si terrà venerdì prossimo presso lo scalo aeroportuale.

I sindaci hanno confermato la loro volontà di sostenere lo star up del ritorno effettivo dei voli con un investimento che è quantificato in 1,40 € per ciascun abitante dei singoli comuni.

Ma, ed è questa la novità, non intendono questo sforzo finanziario come un contributo ma bensì un investimento per garantire anche la continuità dei voli per i prossimi anni considerata la strategicità dell’aeroporto dal punto di vista dello sviluppo economico e sociale dell’intera provincia.

Una proposta che intendono concretizzare è quella di proporre a Sacal, che gestisce lo scalo di concedere a sua volta la gestione dei servizi a terra.

Lo si potrebbe fare attraverso la Sagas, di cui fanno parte Comune e Regione, portandola in bonis ed allo stesso tempo facendo in modo di non gravare sulle casse comunali e fornendo utili servizi e aprendo anche possibilità di dialogo con le compagnie aeree.

“La coesione tra i sindaci, ma anche con le associazioni, i sindacati, i comitati cittadini ha già portato frutti positivi. Continuiamo su questa linea guardando non solo all’immediato ma soprattutto allo sviluppo futuro dell’aeroporto. Compattezza che intendiamo mettere in campo anche per altre infrastrutture come, ad esempio, la strada statale 106” ha detto il sindaco Pugliese.

LASCIA UN COMMENTO