Riceviamo e pubblichiamo


Si è svolto un sopralluogo tecnico presso il Castello Carlo V per la verifica degli interventi da attuare per restituire alla fruibilità il sito dopo la chiusura a seguito del rinvenimento di “Ternorm”.

Il Ministero dei Beni Culturali recependo l’invito dell’Amministrazione Pugliese ad intervenire ha dunque effettuato il rilevo tecnico funzionale a mettere in campo gli opportuni interventi.

Come è noto a seguito della segnalazione di presenza di materiali potenzialmente dannosi presso la struttura il sindaco aveva immediatamente richiesto una consulenza all’Arpacal che aveva accertato la presenza in alcune zone di Ternom.

Il sindaco aveva poi disposto la chiusura della struttura chiedendo l’intervento del Ministero.

Al sopralluogo con l’Assessore alla Cultura Antonella Cosentino, il funzionario comunale Franco Milito, la responsabile della Biblioteca Comunale Luciana Proietto, hanno partecipato il Direttore del Segretariato Regionale del Ministero Salvatore Patamia, il direttore della Soprintendenza Archeologica per le provincie di Catanzaro, Cosenza e Crotone Mario Pagano, Pasquale Lopetrone della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Calabria e Stefano Gizzi del Ministero dei Beni Culturali.

Il sopralluogo è stato finalizzato ad intraprendere tutte le misure atte ad escludere pericolo per l’incolumità pubblica e restituire al pubblico un bene particolarmente significativo dal punto di vista culturale della città.

I funzionari ministeriali si sono determinati nel prevedere la rimozione totale del materiale radioattivo, procedura particolarmente delicata data la natura del bene stesso.

Saranno incaricati degli esperti per gli opportuni carotaggi, per verificare fino a quale profondità sarà necessario arrivare per attuare gli interventi nel rispetto della tutela del patrimonio archeologico.

“E’ stata una importante risposta che arrivata dal Ministero per quanto attiene la richiesta che avevamo fatto per restituire il Castello alla città ed ai turisti. Per Crotone e per le politiche di sviluppo culturale ed economico la Fortezza di Carlo V ha una importanza strategica, considerato anche i numeri che si sono registrati negli ultimi due anni, la struttura nel 2017 ha fatto registrare, grazie anche all’azione specifica dell’amministrazione Comunale che ha puntato sulla sua valorizzazione, il raddoppio rispetto all’anno precedente delle presenze con oltre 26.000 visitatori. Continuiamo la nostra collaborazione con il Ministero nello comune interesse di vedere finalmente superata questa fase di criticità” dichiara l’assessore alla Cultura Antonella Cosentino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here