Riceviamo e pubblichiamo

​”Innanzitutto complimenti all’On. Tajani per la nomina a vicepresidente di Forza Italia.  

Sono d’accordo con lui quando dice di non voler rottamare nessuno. E’ giusto cosi. 

Con questa nomina, e con quella del Sen. Galliani a capo dei dipartimenti, il presidente Berlusconi ha dato il via alla riorganizzazione del Partito. 

Riorganizzazione che deve necessariamenre passare dalla base, dai militanti, quelli veri. 

Si deve avere il coraggio di azzerare le gestioni regionali fallimentari. In Calabria, ad esempio, c’e’ la assoluta necessita’ di azzerare il Coordinamento Regionale, perche’ del tutto scollato con la realta’ territoriale. 

Gestione che ha messo fuori molti soggetti che sul territorio hanno il consenso, e che se fossero stati coinvolti, avrebbero portato F.I ad avere un maggiore consenso e un muglior radicamento sull’intera Regione. 

E alle politiche scorse abbiamo avuto la prova di come si siano fatte scelte sbagliate .

Il rinnovamento deve esserci necessariamente anche a CROTONE e nella sua provincia. 

L’attuale commissariamento infatti, non ha creato valore aggiunto, e dal dopo le politiche il partito e’ completamente assente, quando a rigor di logica avrebbe dovuto essere più presente, e fare ancora piu’ politica attiva. 

La situazione crotonese, creata da una cecita’ politica regionale, vede fuori persone che hanno e avrebbero potuto dare un maggior contributo al partito. Persone con esperienza e capacita’ politiche notevoli. 

Tutto questo, fa’ si che la Lega avanzi sempre di più. 

Fa si’ che il centro destra possa da qui’ a breve essere fagocitato quasi interamente dalla Lega, e che F.I non possa piu’ rappresentare il punto di riferimento dei moderati. 

Presidenre BERLUSCONI, vicepresidente TAJANI, per invertire la rotta e’ necessario che i dirigenti, politicamente incapaci, debbano essere sostituiti da dirigenti piu’ capaci, sia a livello regionale, provinciale e comunale. 

Si puo’ sempre servire il partito in altri modi, e non necessariamente bisogna avere dei ruoli. 

Se naturalmente, si pensa al bene del partito, e non solo al singolo soggetto”.

Francesco Claudio Aceto

Militante di Forza Italia

Crotone

LASCIA UN COMMENTO