Riceviamo e pubblichiamo

“Dar voce alla più sentita e calorosa manifestazione di solidarietà, e nel contempo, di condanna, dinanzi al susseguirsi dei fatti di violenza, fisica e psicologica, nei luoghi che, per eccellenza, dovrebbero assicurare la tutela della salute, evidentemente non basta.
E, se si considera, inoltre, la fatica degli agenti della squadra mobile, per ripristinare la condizione di normalità, in seguito all’ultimo episodio di aggressione, consumato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale San Giovanni di Dio, di Crotone, dove si sono registrati lesioni al personale di turno, danni alle cose e terrore, allora é davvero emergenza.

Aggredire fisicamente, e, inevitabilmente, spogliare del suo onore e del suo sapere, chi, con impegno e costanza, si occupa di difendere il benessere fisico di tutti, allora diventa un attacco non solo al personale sanitario, ai diversi livelli, oggetto dell’inacettabile offesa, ma anche un oltraggio a tutti i cittadini, che hanno il diritto di accedere ai servizi sanitari, in sicurezza.

É, umanamente e professionalmente, doveroso che tutti i rappresentanti politici e sociali del bene comune, affrontino tale emergenza, con mezzi e risorse necessari, anche mediante tavoli comuni di discussione e risoluzione, per garantire, a tal punto, la serenità, al diritto al lavoro per il personale sanitario e al diritto alla salute per i cittadini”.

Consigliere comunale PD Saverio Flotta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here