Riceviamo e pubblichiamo

Egr. Presidente del Consiglio Comunale di Crotone
Egr. Sindaco di Crotone
Egregi Capigruppo dei Gruppi Consiliari

MOZIONE PUNTO DI DISCUSSIONE IN CONSIGLIO COMUNALE:
INCENTIVI ECONOMICI SUL VUOTO A RENDERE

PREMESSO:
• che il Centro della città, il Centro storico ed il Lungomare sono protagonisti del turismo crotonese, della movida giovanile e della Crotone di notte;
• che il riuso degli oggetti e il loro recupero, prima ancora che il riciclo, sono tra gli strumenti più efficaci per ridurre la quantità di rifiuti prodotti, limitando contemporaneamente la necessità di produrre nuovi contenitori col consumo di nuova materia ed energia.
Fino ad un paio di decenni fa il vuoto a rendere dei contenitori in vetro era pratica assai diffusa anche a livello domestico, poi accantonata in favore di pratiche più consumistiche con i contenitori usa e getta in plastica.
• Il Movimento 5 Stelle si fa promotore, a livello nazionale con una proposta di legge e a livello locale con una mozione in Consiglio Comunale, della reintroduzione e istituzionalizzazione di pratiche diffuse di recupero dei vuoti in vetro, a partire dalle attività commerciali che ne fanno maggiore uso.

CONSTATATO:
• che l’abbandono del vetro, soprattutto quello che contiene bevande, birre e alcoolici in genere, diventa annoso problema per il decoro, di complicata risoluzione in chiave di raccolta e gestione rifiuti e spesso arma impropria in colluttazioni tra sbandati.
VISTO:
● l’art.1, comma 2 della Direttiva 94/62/ce del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 dicembre 1994 sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio che stabilisce che il fine della Direttiva è di prevedere misure intese, in via prioritaria, a prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio a cui si affiancano, come ulteriori principi fondamentali, il reimpiego degli imballaggi, il riciclaggio e le altre forme di recupero dei rifiuti di imballaggio e, quindi, la riduzione dello smaltimento finale di tali rifiuti, conformemente all’art.4 della dir. 2008/98/CE sui rifiuti in tema di gerarchia nel trattamento dei rifiuti che stabilisce, anch’essa, che la prevenzione ed il riutilizzo sono ritenuti prioritari rispetto alle altre fasi di trattamento del rifiuto compreso il riciclo, le altre forme di recupero e lo smaltimento;
● l’articolo 219-bis del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 che prevede che: “ è introdotto, in via sperimentale e su base volontaria del singolo esercente, il sistema del vuoto a rendere su cauzione per gli imballaggi contenenti birra o acqua minerale serviti al pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo “;
● il decreto 3 luglio 2017, n. 142 “Regolamento recante la sperimentazione di un sistema di restituzione di specifiche tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare, ai sensi dell’articolo 219-bis del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152”;

CONSIDERATO:
● che il suddetto Regolamento prevede all’articolo 4, comma 1, che: “Gli esercenti aderenti alla filiera versano una cauzione contestualmente all’acquisto dell’imballaggio riutilizzabile pieno con diritto di ripetizione della stessa al momento della restituzione dell’imballaggio vuoto;
• che lo stesso Regolamento prevede, all’articolo 5, quali uniche forme di incentivazione del sistema proposto, la concessione agli operatori coinvolti del patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di un attestato di benemerenza, oltre all’iscrizione in un apposito registro e che risultano invece assenti incentivi di tipo economico o altra facilitazione nei confronti degli operatori coinvolti dalla sperimentazione;
● che le forme di incentivazione contenute nell’articolo 5 del Regolamento Ministeriale potrebbero
non risultare sufficientemente incoraggianti rispetto all’adozione del sistema del vuoto a rendere
qualora non accompagnate anche da incentivi di carattere economico o di altro tipo;
• che con la pratica del vuoto a rendere, le bottiglie in vetro possono essere riportate dal consumatore e poi riempite nuovamente da 30 a 40 volte circa; nelle condizioni ideali, una bottiglia, può affrontare fino a un massimo di 50 cicli di utilizzo, dopodiché potrà essere riciclata come vetro.
• Il primo vantaggio è il risparmio di risorse vergini e il risparmio energetico connesso alla produzione di bottiglie nuove;
• Un secondo vantaggio è connesso alla minore produzione di rifiuti;
• Un terzo vantaggio ambientale sta nei tagli del trasporto merci: la gran parte di aziende utilizza il vuoto a rendere con i propri prodotti e con le consegne ai clienti distributori, in questo modo si evitano lunghi trasporti e di conseguenza anche le emissioni di CO2 connesse. Le bottiglie di policarbonato – “plastica” – a rendere possono essere riutilizzate fino a un massimo di 80 cicli. Il policarbonato può essere considerato, così, un imballaggio ecologico e pratico con buone qualità per lo stoccaggio, basso peso, resistenza e mantenimento della qualità del contenuto;
● che il Consiglio Comunale, in un’ottica di gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti, riconosce quale azione fondamentale la riduzione ed il riutilizzo dei rifiuti di imballaggio, e che questi risultati possano essere conseguiti con successo attraverso il sistema del vuoto a rendere e la contestuale adozione dei predetti opportuni incentivi economici o di altra natura nei confronti degli operatori aderenti quale giusto riconoscimento per l’adozione di tale pratica virtuosa e che tale sperimentazione registri un’ampia adesione al fine di garantirne l’esito favorevole.

Il Consiglio Comunale impegna il sindaco e la giunta
ad approvare forme di incentivi economici, quali la riduzione della tassa sui rifiuti Ta.Ri. o la tassa dell’occupazione del suolo Tosap, per gli esercenti, nonché per i produttori e distributori, che aderiranno alla sperimentazione di cui al predetto Regolamento 142/2017 recante la sperimentazione di un sistema di restituzione di specifiche tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare o altre forme di agevolazione.

Crotone, 11/09/2018
Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle
_______________________________
_______________________________

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here