Un punto casalingo che alla fine della gara, proprio in pieno recupero, restituisce un pizzico di serenità in più al Crotone, ma che non risolve tuttavia le difficoltà palesate dalla squadra di Stroppa in queste prime sei giornate di campionato.

Ancora troppe le leggerezze e le distrazioni difensive, nonostante i rossoblu siano apparsi più lucidi e convinti sotto il punto di vista del gioco e del carattere.

Meglio questo che niente. Per ora.

Pareggio che lascia invece l’amaro in bocca al Brescia di Corini, che già pregustava il colpaccio in casa della sua ex squadra.

Minuto 11: subito calcio di rigore di Donnarumma, e Crotone che resta in dieci per l’espulsione di Golemick per fallo da ultimo uomo su Torregrossa.

0-1.

Primo tempo che nonostante l’inferiorita numerica, i rossoblu gestiscono comunque bene, non meritando lo svantaggio.

Diverse infatti le occasioni da rete del Crotone, negate da un ottimo Alfonso.

Brescia di Corini ben messo in campo, attento e pungente nel gioco di rimessa.

All’11 della ripresa il Crotone pareggia con un una incornata da due passi di Budimir, su preciso traversone di Firenze.

Ma al minuto 70 Brescia di nuovo avanti, grazie ad con un colpo di testa di Dall’Oglio, a seguito di una micidiale ripartenza di Tonelli che ancora una volta punisce la retroguardia rossoblu.

E nei sei minuti di recupero arriva il fallo di Alfonso che frana su Budimir. Calcio di rigore netto, che lo stesso Budimir trasforma, 2-2 e triplice fischio finale.

LASCIA UN COMMENTO