Riceviamo e pubblichiamo

“Un gesto ignobile che offende la città”.

E’ quanto dichiara l’assessore alla Cultura Valentina Galdieri dopo l’atto vandalico che si è verificato presso la Biblioteca Comunale “Lucifero”.

Due persone si sono introdotte nella struttura che si trova nel Castello Carlo V, chiuso da qualche mese per le vicende legate al ritrovamento di Tenorm all’esterno della stessa, praticamente bivaccando nella biblioteca, rovesciando alcuni tavoli e strappando libri, tra cui una storia di Crotone.

I due, che sono stati fermati dalle Forze dell’Ordine, avevano disattivato il sistema di allarme ed asportato l’hard disk della videosorveglianza.

Con un estintore inoltre hanno imbrattato alcuni locali della Biblioteca.

Se le cose non hanno preso una piega peggiore è stato per l’allarme lanciato da un dipendente comunale che ha sorpreso ed inseguito i due vandali, dimostrando non solo senso del dovere ma anche grande senso di appartenenza e per la pronta azione delle Forze dell’Ordine.

L’assessore Galdieri si è recata prontamente sul luogo per verificare i danni, dove era in azione anche la Polizia Scientifica per gli accertamenti.

Gli uffici sono già al lavoro per recuperare i libri danneggiati.

“Provo tanta amarezza perché siamo alla presenza di un atto ignobile. Danneggiare una biblioteca, strappare un libro è come dare uno schiaffo in pieno viso ad una città che attraverso la cultura vuole ritrovare la propria strada e fondare il proprio futuro. Ringrazio per il pronto intervento il nostro dipendente comunale e le Forze dell’Ordine che hanno evitato ulteriori gravi conseguenze alla nostra Biblioteca che, per il patrimonio librario esistente, è un vero fiore all’occhiello ed è apprezzata unanimemente. Il Castello e la Biblioteca sono da troppo tempo chiusi. Quest’atto dimostra che la mancata fruibilità delle strutture può incentivare azioni vandaliche. Auspico che la Soprintendenza acceleri le procedure per consentire alla nostra Biblioteca di tornare patrimonio della città” dichiara l’assessore Valentina Galdieri

LASCIA UN COMMENTO