Assemblea Rsu Comune di Crotone: L’oggetto della contesa era, oppure resta ancora la determina relativa alla costituzione del fondo e relativa firma del contratto decentrato.

Tutto bloccato, sembrerebbe, per un atto formale della messa in opera del contratto.

Una mancanza attribuita all’ammistrazione comunale che, a detta delle rappresentanze Rsu, avrebbe snobbato il problema, determinando tale situazione per via di presunte “difficoltà oggettive”.

Volontà di non firma dell’atto da parte del dirigente al personale?

Così sembrerebbe, o meglio cosi sembrava.

Almeno sino a quando, all’improvviso, atteso ma inatteso, in aula consiliare si palesa Emilio Ape, con tanto di busta gialla in mano.

Colpo di scena!

“È tutto risolto” dice…fiero, serio e perentorio.

“Potete tornare a lavorare”.

E se ne va, agitando la busta.

La Timpano, forse agitata anche lei, avrebbe firmato l’atto.

Perché, ha tenuto a precisare Ape, non si sarebbe trattato di mancanza di volontà, ma solo di tempo a disposizione e di impegni sopraggiunti.

Come mai ci chiediamo allora, Corte dei Conti a parte, con tutta la gran mole di lavoro burocratico da sbrigare, all’interno della casa comunale, “l’alloggio” per la prossima neo dirigente Teresa Sperli non è ancora pronto?

Difficoltà, blocchi, ostruzionismi, resistenze.

Che verranno tuttavia aggirati.

Insieme all’albero di Natale infatti, ammesso che in tempi di vacche magre come questi ce ne sarà uno, il Comune di Crotone riceverà in “regalo”, il terzo dirigente dell’era Pugliese: il direttore generale di Crotone Sviluppo Teresa Sperli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here