Crotone

Formazione

4-3-3: 1 Cordaz; 31 Sampirisi, 23 Vaisanen, 2 Curado, 26 Martella; 20 Molina, 18 Barberis, 6 Rohden; 7 Firenze, 17 Budimir, 8 Stoian. A disp.: 22 Festa (GK), 3 Cuomo, 5 Golemic, 14 Tripicchio, 16 Crociata, 19 Marchizza, 21 Zanellato, 25 Simy, 27 Valietti, 32 Spinelli, 33 Aristoteles. All. Oddo

Cosenza

Formazione

4-3-3: 33 Perina; 2 Corsi, 5 Idda, 18 Legittimo, 11 D’Orazio; 21 Bruccini, 7 Mungo, 24 Garritano; 32 Baez, 19 Maniero, 25 Tutino. A disp.: 1 Cerofolini (GK), 22 Saracco (GK), 6 Palmiero, 9 Perez, 10 Di Piazza, 15 Schetino, 16 Baclet, 17 Varone, 27 Bearzotti, 28 Anastasio, 29 Pascali, 30 Verna. All. Braglia

Una rete del difensore Idda al minuto

74, regala derby e tre preziosissimi punti al Cosenza, e condanna il Crotone di Oddo alla settima sconfitta su dodici gare, facendolo precipitare nelle sabbie mobili della classifica.

E preoccupa non poco soprattutto, la continua involuzione totale di questa squadra senza un’anima che, partita come una delle super favorite del torneo cadetto, si trova invece coinvolta a “pieno titolo” nella lotta per non retrocedere.

Lo dice la classifica. Più che mai realistica e spietata.

Lo dicono i numeri, e una perenne crisi di identità e di gioco che autorizza tutti ad un fondato pessimismo. Purtroppo.

Vedere giocare il Crotone insomma, equivale in pratica ad assistere ad un concerto senza orchestra.

E se non cambierà in fretta spartito, riuscire a reagire ed a salvare la stagione, diventerà sempre più arduo e complicato.

Anche perché la pazienza dei tifosi, che hanno contestato la squadra, è ormai ai minimi termini.

LASCIA UN COMMENTO