CROTONE: 1 Cordaz, 2 Curado, 6 Rohden, 8 Spolli, 10 Benali, 16 Milic, 18 Barberis, 23 Vaisanen, 25 Simy, 29 Pettinari, 31 Sampirisi. A disp.: 22 Festa (GK), 3 Cuomo, 5 Golemic, 7 Firenze, 13 Tripaldelli, 15 Gomelt, 17 Kargbo, 19 Marchizza, 20 Molina, 21 Zanellato, 27 Valietti, 33 Mraz. All. Stroppa

PALERMO: 22 Pomini, 2 Bellusci, 3 Rispoli, 5 Rajkovic, 8 Jajalo, 9 Moreo, 19 Aleesami, 20 Falletti, 24 Szyminski, 30 Nestorovski, 32 Haas. A disp.: 1 Brignoli (GK), 12 Avogadri (GK), 4 Accardi, 7 Lo Faso, 10 Trajkovski, 14 Salvi, 18 Chochev, 21 Fiordilino, 29 Puscas, 31 Pirrello, 35 Murawski. All. Stellone

Marcatori: 28′ Rhoden, 77′ Mraz, Simy 92′ rig.

Il Crotone che non ti aspetti, sfodera una prestazione cazzuta e molto convincente, batte il Palermo meritatamente, e soprattutto conquista tre preziosissimi punti che gli consentono di rilanciare speranze ed ambizioni di salvezza.

Già, la salvezza, proprio quella che alla vigilia del match, Stroppa aveva più volte ricordato, invitando i suoi ragazzi a giocare con grinta, cattiveria agonistica e cazzimma, senza fronzoli, pensando esclusivamente al risultato.

Ebbene, questa sera è andata proprio così.

I rossoblu non hanno mollato un solo centimetro, lottando su tutti i palloni, e colpendo il Palermo con un gol nel primo tempo e due nella ripresa.

Tutto vero. Tre gol ai rosanero e morale e classifica che alzano leggermente l’asticella del morale e della convinzione.

Non sarà facile risalire la china, ma neanche impossibile.

A patto che tutte le gare che restano da qui alla fine del campionato, vengano affrontate con questa voglia e con questo spirito.

Soprattutto perché nelle prossime due gare, a Padova e Salerno, i rossoblu si giocheranno tutto, o quasi.

LASCIA UN COMMENTO