“Ero una delle possibili riserve.

Hanno valutato che due candidati sarebbero dovuti essere esclusi dalla lista, e al posto di uno di questi avevano inserito me, per scorrimento della graduatoria della votazione online sulla piattaforma Rousseau.

Probabilmente poi uno di questi esclusi ha fatto valere le proprie ragioni prima della presentazione ufficiale della lista, e quindi mi hanno fatto slittare di nuovo fuori lista”.

In poche e povere parole, Otello Chimenti, attivista crotonese del Movimento, si è incredibilmente ritrovato dalle “5Stelle alle stalle”, senza ovviamente nascondere un pizzico di amarezza e delusione sul discutibile modus operandi di chi, molto probabilmente non troppo virtualmente, “muove i fili”.

Tutto ciò in neanche 24 ore, alla faccia della tanto sbandierata ma ormai inflazionata trasparenza a cinque stelle.

“Chi ha gestito la situazione, non ha saputo farla al meglio.

Perche non avrebbe dovuto inviare la mail “sei nella lista”, se la decisione così come sembra, non era ancora definitiva.

E mi dispiace molto per l’errore imprudente che hanno commesso.

Ci sono rimaste male, e più di me credo, tutte quelle persone che avrebbero gradito e sostenuto la mia candidatura”.

Pensieri e parole di disappunto e di bocciatura dunque per la “fantasmagorica” piattaforma Rousseau, che ancora una volta ha mostrato tutti i suoi “limiti” ed evidenti sbavature.

Chiamiamole così.

“È sicuramente un metodo migliore di quello dei soliti partiti, ma potrebbe sicuramente essere migliorato.

Spesso infatti la trasparenza si scontra con il diritto alla privacy”.

Una vicenda questa, che intanto ha indotto Otello Chimenti ad abbandonare l’attivismo regionale, per dedicarsi più da vicino ai problemi ed alla realtà locali.

“Seguirò le attività regionali più da lontano. Personalmente ho tanti progetti personali in corso, e che certamente meritano di essere portati a termine.

Per questo, mi dedicherò molto di più all’attivismo cittadino di quello regionale.

Ogni cittadino prima di tutto, deve cercare di “essere sindaco” del proprio metroquadro di territorio.

Solo così si può migliorare il posto in cui viviamo e lasciarlo meglio di come lo abbiamo trovato”.

Il testo della mail “scaricante”: “A seguito di alcuni controlli e reintegri di alcuni candidati, ti informiamo che il tuo nominativo non sarà incluso nella lista”.

A completezza della notizia, aggiungiamo che alla prima votazione online, Otello Chimenti era arrivato ottimo secondo in tutta la Calabria, mentre alla seconda si era piazzato sedicesimo in tutta la circoscrizione meridionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here