RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Oggi presso il circolo ARCI di Crotone ed alla presenza di Filippo Sestito, Fernando Pignataro della segreteria
regionale di Sinistra italiana e Francesco Saccomanno della segreteria provinciale di rifondazione comunista
è stata presentata la candidatura di Francesca Pesce con la lista “la SINISTRA”.
La candidata ha evidenziato la necessità di costruire un’Europa diversa, attenta ai bisogni delle persone ed in particolare del Sud e di Crotone, territorio abbandonato alla mercé di politici che hanno trasformato la
nostra città in un buco dove interrare rifiuti. Il riferimento è alla discarica di Scandale che, nonostante la
forte opposizione dei cittadini del territorio crotonese e di Scandale, con il sindaco Barberio in testa, è stata
da poco autorizzata.
Francesca Pesce ha poi parlato di un’altro annoso problema di questo territorio: la mancata bonifica che
Crotone attende da 20 anni, affermando che la politica sulla bonifica ha perso l’occasione di tornare ad immaginare lo sviluppo di questa città ed ancora una volta la bonifica è stata trasformata in affare oscuro.

I dati confermati dal CNR proprio sullo stato di inquinamento a Crotone restano allarmanti e nel
silenzio delle istituzioni devono essere le persone a rivendicare il diritto alla salute ed a pretendere la tutela
dell’ambiente in cui viviamo. La candidata su questo punto ha rilanciato lo sciopero globale per il clima che
si terrà il prossimo 24 maggio e che a Crotone vede tanti giovani e studenti attivi e partecipi nel chiedere a
gran voce un cambio immediato nelle politiche energetiche.
Nel corso dell’intervento, inoltre, Francesca Pesce ha ricordato che proprio all’Arci di Crotone una grande
folla ha accolto mesi fa Mimmo Lucano, simbolo dell’accoglienza e della solidarietà tra popoli e persone, a
dimostrazione che Crotone resta una città accogliente che non lascia spazio a fascismi, odio e violenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here