Evidentemente, considerato il particolare e delicato momento politico e amministrativo, ce n’era di bisogno.

Non ci pare infatti che a Crotone, una richiesta-esigenza politico-religiosa del genere sia mai accaduta prima d’ora.

Per farla breve, questa notte in occasione del pellegrinaggio a Capocolonna, su espressa volontà del sindaco Ugo Pugliese che ha esteso l’invito, tutta la sua amministrazione, assessori, presidente del Consiglio, consiglieri, dirigenti e dipendenti compresi, (se lo vorranno), aspetteranno la Madonna nel palazzo comunale.

Il momento, significativo e solenne, dovrebbe costituire ovviamente una ottima occasione di riflessione, di unione, e si spera anche di preghiera.

Soprattutto di preghiera.

Molto probabilmente, (laddove non arrivano gli uomini), con tanto di richiesta di “grazia” alla Madonna di Capocolonna.

La più accorata, urgente e sincera, anche in virtù del personale “curricula” di buon cristiano e cattolico praticante di ciascuno dei richiedenti, verrà poi accuratamente “selezionata” per essere possibilmente esaudita.

Forse.

Lassù, non verranno ovviamente prese in considerazione richieste di “grazia” legate a desideri di “sfortune politiche” altrui, con tanto di nome, cognome e numero civico, richieste di ulteriori poltrone comunali, desideri quasi proibiti di diventare improvvisamente “geni” della politica e dell’amministrazione, né tanto meno irrispettose bramosie di “onnipotenza”.

Perché di Onnipotente ce n’è solo uno.

E la Madonnina intanto, nella notte crotonese per eccellenza, durante il suo percorso dovrebbe fare una piccolissima sosta davanti al palazzo del Comune di Crotone, dove, come si legge nel testo diffuso dall’ufficio stampa dell’ente, (nella foto) si renderà omaggio alla Patrona di tutti i crotonesi.

Si accettano “miracoli”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here