CHIEVO: 1 Semper, 5 Cesar, 6 Esposito, 8 Segre, 14 Vaisanen, 15 Leverbe, 20 Rodriguez, 24 Meggiorini, 26 Bertagnoli, 28 Brivio, 41 Dickmann. A disp.: 12 Caprile, 32 Nardi, 3 Cotali, 4 Obi, 10 Pucciarelli, 13 Pina Nunes, 16 Garritano, 17 Giaccherini, 21 Frey, 27 Ceter, 29 Rovaglia, 33 Rigione. All. Marcolini

CROTONE: 1 Cordaz, 3 Cuomo, 5 Golemic, 8 Spolli, 10 Benali, 11 Vido, 17 Molina, 18 Barberis, 21 Zanellato, 23 Mazzotta, 25 Simy. A disp.: 12 Figliuzzi (GK), 22 Festa (GK), 7 Mustacchio, 13 Bellodi, 14 Crociata, 15 Itrak, 19 Gomelt, 24 Rodio, 26 Evan’s, 28 Rutten, 29 Panza, 30 Messias. All. Stroppa

ARBITRO: Marinelli di Tivoli
MARCATORI: 25’ Simy (Cr) su rigore, 72’ Giaccherini (CV) su rigore, 81’ Rodriguez (CV)
AMMONITI: Molina (Cr), Brivio (CV)
ESPULSO: 59’ Zanellato (Cr) per doppia ammonizione

Bentegodi molto amaro per il Crotone ancora capolista in attesa della gara del Benevento.

Crotone che lascia i tre punti al Chievo, ora ad una sola lunghezza dai rossoblù, dopo aver accarezzato il sapore della vittoria per gran parte del match, grazie alla rete del vantaggio siglata da Simy su calcio di rigore al 25′.

Rossoblù che subiscono poi il ritorno e la rimonta dei padroni di casa, ma che devono recriminare e non poco sulla molto discutibile e frettolosa espulsione di Zanellato decisa dal signor Marinelli al minuto 59, che alla lunga ha evidentemente pesato sull’esito finale della partita che per quanto visto sul campo, penalizza oltremodo il Crotone di Stroppa, in 10 uomini nella fase più importante e decisiva della gara.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here