CROTONE: 1 Cordaz, 5 Golemic, 6 Gigliotti, 7 Mustacchio, 10 Benali, 14 Crociata, 17 Molina, 18 Barberis, 25 Simy, 30 Messias, 34 Marrone. A disp.: 12 Figliuzzi (GK), 22 Festa (GK), 3 Cuomo, 8 Spolli, 11 Vido, 13 Bellodi, 19 Gomelt, 23 Mazzotta, 24 Rodio, 26 Evan’s, 28 Rutten. All. Stroppa

PERUGIA: 1 Vicario, 2 Rosi, 4 Carraro, 7 Mazzocchi, 8 Falcinelli, 9 Iemmello, 14 Nicolussi Caviglia, 20 Balic, 25 Falasco, 27 Di Chiara, 32 Gyomber. A disp.: 22 Fulignati (GK), 3 Nzita, 5 Rodin, 10 Dragomir, 11 Buonaiuto, 13 Fernandes, 23 Falzerano, 29 Capone, 36 Melchiorri. All.Oddo

ARBITRO: Pezzuto di Lecce (Scarpa – Pagliardini)

RETI: 13′ pt Iemmello, 8′ st Melchiorri, 12′ st – 45+4′ st Mustacchio, 19′ st Di Chiara

Un Crotone poco brillante, sicuramente da rivedere e da correggere, (vedi leggerezze difensive assortite), perde in casa contro un ottimo Perugia, scivola al quarto posto, e deve per ora rimandare i sogni di gloria da primato in classifica, soprattutto alla luce degli ultimi due match, che hanno consegnato alla squadra di Stroppa solo due sconfitte.

Ma se a Verona contro il Chievo i rossoblù avevano avuto più di un motivo per recriminare sul risultato finale, per alcune decisioni arbitrali molto discutibili, questo pomeriggio invece tutto sommato, e per quanto espresso dalle due squadre in campo, la vittoria del Perugia di Oddo è stata meritata.

Nonostante la doppietta di un inesauribile Mustacchio, il carattere e la volontà di raddrizzare un match molto complicato, dall’inizio e sino al 96′ del secondo tempo, quando allo scadere dell’ultimo minuto di recupero, l’estremo difensore del Perugia Vicario, forse il migliore dei suoi, nega ai rossoblu la gioia del pareggio.

Finisce 2-3, con il Crotone che non perdeva allo Scida dal lontano 18 febbraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here