BENEVENTO: 1 Montipò, 3 Letizia, 9 Coda, 10 Viola, 11 Maggio, 18 Gyamfi, 19 Insigne, 21 Hetemaj, 23 Antei, 25 Sau, 28 Schiattarella. A disp.: 12 Manfredini (GK), 22 Gori (GK), 4 Del Pinto, 7 Kragl, 8 Tello, 16 Improta, 17 Abdallah, 20 Di Serio, 27 Vokic, 33 Armenteros. All. Inzaghi

CROTONE: 1 Cordaz, 5 Golemic, 6 Gigliotti, 8 Spolli, 14 Crociata, 17 Molina, 18 Barberis, 21 Zanellato, 23 Mazzotta, 25 Simy, 30 Messias. A disp.: 12 Figliuzzi (GK), 22 Festa (GK), 2 Curado, 3 Cuomo, 7 Mustacchio, 9 Nalini, 11 Vido, 13 Bellodi, 19 Gomelt, 24 Rodio, 26 Evan’s, 28 Rutten. All. Stroppa

Arbitro: signor Forneau di Roma

Il momentaneo ma importante e significativo verdetto di oggi, dopo lo scontro diretto in casa della strega dice chiaramente che il Benevento di Pippo Inzaghi è non solo la capolista del campionato di Serie B, ma anche la squadra più forte ed organizzata del torneo.

Anche del Crotone di Stroppa dunque, che perde 2-0 al Santa Colomba con un gol per tempo di Viola ed Improta, scivola al terzo posto, superato da un ottimo Pordenone, e vede aumentare il suo distacco dai beneventani a ben sette lunghezze.

Rossoblù che non sfigurano davanti alla capolista, ma che nonostante il gran possesso palla, devono comunque prendere atto della superiorità dei giallorossi, cercando di dimenticare in fretta la sconfitta, a cominciare dalla prossima gara casalinga col Cittadella, e colmare possibilmente le attuali lacune tecniche, (vedi fase realizzativa), magari lavorando sul mercato di gennaio per completare la rosa a disposizione di Stroppa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here