FROSINONE: 22 Bardi, 2 Zampano, 5 Gori, 7 Paganini, 8 Maiello, 10 Dionisi, 11 Haas, 15 Ariaudo, 23 Brighenti, 28 Ciano, 32 Kranjic. A disp.: 1 Iacobucci (GK), 30 Bastianello (GK), 9 Citro, 13 Beghetto, 14 Salvi, 18 Novakovich, 19 Matarese, 20 Tribuzzi, 24 Vitale, 25 Szyminski, 29 Trotta, 33 Eguelfi. All. Nesta

CROTONE: 1 Cordaz (C), 3 Cuomo, 5 Golemic, 7 Mustacchio, 11 Vido, 17 Molina, 18 Barberis, 23 Mazzotta, 25 Simy, 30 Messias, 34 Marrone. A disp.: 12 Figliuzzi (Gk), 22 Festa (Gk), 2 Curado, 6 Gigliotti, 13 Bellodi, 15 Itrak, 19 Gomelt, 24 Rodio, 26 Evan’S, 27 Zak, 28 Rutten. All. Stroppa

Arbitro: Sig. Ghersini di Genova

Il calcio è bello proprio per questo.

Toglie e restituisce sempre, e spesso quando meno te lo aspetti. Si chiama compensazione, o come più vi garba.

Vedi ad esempio, quanto successo oggi al Crotone.

Non aveva mai perso in casa il Frosinone di Nesta in questo campionato, e la prima sconfitta al “Benito Stirpe” infatti, arriva proprio questo pomeriggio, sul finire di uno scontro diretto molto tirato ed incerto col Crotone di Stroppa, grazie alle reti di Mazzotta al 24′ del primo tempo, e di Marrone al 91′.

Vittoria dunque preziosa, convincente e molto pesante per i rossoblù, che con questi tre punti agguantano la quarta posizione in classifica ad una sola lunghezza dal Cittadella ed a due dal Pordenone.

Classifica che dopo due vittorie consecutive torna dunque molto interessante e che, con l’ultima gara dell’anno col Trapani, in programma domenica 29 dicembre allo Scida, offre la ghiotta possibilità alla squadra di Stroppa di allungare ulteriormente la striscia positiva, e magari raggiungere la seconda posizione dietro l’irresistibile ed inarrestabile Benevento.

(foto sito Frosinone calcio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here