“È un problema molto serio e frequente quello di minori dai 13/14 ai 18 anni che bevono molti alcolici e sono spesso ubriachi, soprattutto in occasione di feste, Capodanno e diciottesimo.

Non abbiamo casistiche precise, ma tuttavia spesso interveniamo in queste situazioni, e spesso i ragazzini ubriachi non vengono in ospedale rifiutando anche di essere soccorsi.

Ecco perché abbiamo postato uno specifico articolo sulla nostra pagina Facebook, per sensibilizzare ed informare ulteriormente l’opinione pubblica.

Spesso infatti i genitori sono all’oscuro di quanto accade ai propri figli, anzi pensano addirittura che siano astemi.

Probabilmente l’abuso di alcool è anche occasionale, ma può allo stesso tempo essere fatale.

C’è infatti un elevato rischio di morte nei bambini, cosi come per i diciottenni patentati che guidano ubriachi col rischio di incidente stradale altissimo.

Noi quando è possibile avvisiamo i genitori, ma in molti casi non ci è possibile, perché interveniamo in luoghi pubblici o addirittura per strada.

Spesso l’ubriacatura è fortunatamente, occasionale, e quando interveniamo ci chiamano perché sono letteralmente i ragazzini sono storditi dall’alcol.

Non è possibile dare ulteriori informazioni perché la tipologia del nostro lavoro non ci permette di raccogliere tutti i dati richiesti,
comunque sia si tratta di un dato di fatto: il consumo di alcool tra i ragazzi è aumentato tantissimo.

Basta frequentare i locali della nostra città e della provincia per rendersene personalmente conto.

E bisogna considerare che il nostro intervento si limita a situazioni estreme, poiché di solito ci chiamano gli amici, ma solo quando sono in coma e sono molto preoccupati”.

Queste le risposte alle nostre domande, che i sanitari del Suem 118 di Crotone, che hanno opportunamente sollevato il problema, ci hanno puntualmente e dettagliatamente fornito, per nostra conoscenza e soprattutto per tutti i cittadini e genitori di figli minorenni che purtroppo e sempre più spesso, giocano a fare i grandi abusando dell’alcol, pericolosamente e forse anche troppo incoscientemente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here