“Bel risultato. Sono felicissimo che la città abbia avuto uno scatto di orgoglio e mi abbia premiato cosi.

Votare un professore in libertà non ha davvero avuto prezzo. È quello che mi hanno scritto in centinaia.
Ora però insieme alla soddisfazione, aumentano anche le responsabilità.

Perche è tanta la gente che adesso mi chiede un impegno per le prossime amministrative, e quindi non posso tirarmi indietro.

Lo farò, ma non necessariamente candidandomi a sindaco, e comunque appoggiando un vero movimento civico”.

Cosi Vincenzo Voce, alla luce del suo personale exploit politico, che non lo ha portato a sedersi sugli scranni del Consiglio Regionale, ma che però inevitabilmente, gli ha offerto la “ghiotta” occasione di potersi presentare alle prossime amministrative con buone possibilità di recitare un ruolo da protagonista.

Se da candidato a sindaco, o da consigliere comunale, lo si saprà a tempo dovuto. Tutto ciò infatti, dipenderà da diversi fattori, primo fra tutti, la o le liste che eventualmente decideranno di sostenerlo.

Le amministrative infatti, non sono le elezioni regionali, e liste e schieramenti a parte, avversari agguerriti ed organizzati di certo non mancheranno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here