Da De Coubertein a Pitagora.

L’importante è partecipare si, ma se questi sono i numeri, allora no.

Perché misurarsi in qualsiasi competizione sportiva, non vuol dire collezionare figuracce e record negativi.

Nove partite, otto sconfitte e un pareggio, è una roba che in Serie A non si era mai vista. E non ne andiamo per niente fieri.

Se questo è, e questo sarà, che si abbia almeno l’umiltà e l’intelligenza di dire e riconoscere limiti ed evidenti carenze, tecniche e decisionali.

Nessuno gioca per perdere, e nessuno ha già perso ancor prima di scendere in campo.

Dinque i fischi ed il malcontento dei tifosi, che hanno sofferto e soffrono per la loro squadra, ci stanno tutti, e non possono essere ignorati.

È ormai visibile ed evidente che qualcosa non funziona più, e non soltanto nello spogliatoio di Davide Nicola.

Quando l’aria che si respira, dentro e fuori dal campo, si fa incerta e pesante, i primi a risentirne sono proprio i calciatori. E, badate bene, non è una giustificazione, ma solo una reazione, che solitamente è quella che purtroppo si sta verificando.

Ma anche l’allenatore, che è un uomo in carne e ossa come tutti gli altri non è immune a tutto il marasma.

Deve cercare di ottenere il massimo col materiale umano messogli a disposizione, ma assorbe e filtra anche gli umori dei suoi calciatori e della società. Se quindi, non è aiutato e supportato come dovrebbe, non riesce poi a far fronte alla delicata situazione.

Proprio come quella che si sta vivendo al Crotone.

E alla fine i risultati, purtroppo, sono tristemente catastrofici.

E non è ancora finita…

Da qualsiasi lato si voglia osservare la situazione.

Occorre fare chiarezza ed anche in fretta, insieme ad un passo indietro. Che in questi casi 


non fa mai male.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here