A cosa sta dicendo SI la consigliera regionale crotonese Flora Sculco?

Soltanto alla presunta riforma della Costituzione, oppure SI è già “promessa e consegnata” al Pd, regionale e nazionale, comunque vada a finire il referendum?

 Noi, per quanto vediamo e ne sappiamo, siamo convinti che si tratterà di un SI molto ampio, ma che, politicamente però, non comprenderà Crotone…

Vero onorevole?

Quanto “peseranno” e ci costeranno i SI referendari “crotonesi” che “verserà” in pegno ai vertici nazionali del partito democratico che la appoggiano?

Sicuramente tanto, e non certo in funzione della sua città o del destino del referendum, ma solo ed esclusivamente del suo…

 Altrimenti perché entrare nel Pd dalla porta principale, ignorando quello crotonese, e perché, in attesa di eventi elettorali regionali, sponsorizzare pubblicamente Catanzaro, come se fosse la sua città?

Forse perché la prossima primavera si voterà per il nuovo sindaco, e lei cara Flora, sta lavorando già per il suo candidato?

Come biaSImarla. Duemila voti raccolti nel catanzarese in occasione delle ultime elezioni regionali, a nostro giudizio hanno un ragguardevole “peso” specifico, e vanno quindi calcolati, “coccolati” e

spesi molto, molto bene.

 

Una sorta di caparra elettorale da versare a/e per Catanzaro, che le verrebbe poi restituita, magari con gli interessi, quando correrà per la presidenza della Regione… 

 

E Crotone cara onorevole, che posto occupa nella sua ambiziosa e “scientifica” agenda politico-elettorale?

Probabilmente nulla, o quasi.

 

Se cosi non è, ci dimostri il contrario.

Lo dimostri ai crotonesi, che ancora aspettano lei, e la Prossima Crotone…

 

Anzi quella di oggi, tornata mestamente indietro nel tempo, quando dipendeva in tutto e per tutto da Catanzaro: burocraticamente, logisticamente e politicamente.

 

Stiamo tornando ad essere “sudditi”.

Come se non ce ne fosse già abbastanza di sudditanza e obbedienza in questa nostra povera città.

 

Dove non si parla più, non si programma più, non si progetta più, non si crea e realizza più nulla, se non il silenzio e l’immobilismo, che naturalmente fanno comodo. Molto comodo.

 

Noi cara Flora, non odiamo Catanzaro, ma amiamo Crotone. 

È questa la sostanziale differenza.

Se cosi non è, ci dimostri il contrario, siamo qui per questo.
Dal basso, e all’interno del cuore pulsante del nostro tessuto sociale ed economico, le cose si osservano molto meglio…
Sergio Torromino

Antonio Argentieri Piuma

Consiglieri comunali

Le Tre Elle

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here