mentre Mario Oliverio mette ordine e fa chiarezza nel Pd crotonese, indicando Sergio Murgi quale prossimo segretario provinciale, e aprendo il partito al dialogo ed al confronto con movimenti e associazioni politiche, quindi anche con i Demokratici e la coalizione che ha vinto le ultime amministrative a Crotone, Enzo Sculco, pur non confermandolo, entra nel merito di un suo ormai prossimo impegno con le forze di centrosinistra.

Con relative e personali precisazioni circa la tipologia di rapporti fra le due realtà, e il perché di tale “matrimonio” riconciliatore, in ottica delle prossime elezioni politiche, che vedranno candidata la consigliera regionale Flora Sculco.

“Non c’è nessuna voglia e nemmeno interesse adagiare nel Pd.

Semmai le due principali forze del sistema città devono parlarsi, dialogare nell’interesse della stessa città, fermo restando i ruoli e l’identità di ognuno attribuiti dall’elettorato, e senza ignorare e dimenticare che Flora è stata eletta nella quale azione di centrosinistra alla Regione, ed è l’unica rappresentante regionale della città del territorio crotonese.

E questo ruolo deve essere rispettato.

Non c’è nessuna compromissione -aggiunge Enzo Sculco – ma la chiara volontà di reconoscere che il Pd e i Demokratici sono due realtà politiche importarti, e che sono chiamati a dialogare per rafforzare le prospettive di sviluppo della città”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here