Dovremmo essere tutti convinti, gaudiosi e grati…

Ci hanno detto, un po’ tutti gli addetti ai lavori, politici e simili, e in tutte le salse, che l’aeroporto di Crotone riaprirà i battenti il prossimo 1 dicembre.

Ce lo hanno comunicato certo, ma con un pizzico di confusione, e a macchia di leopardo. Ognuno ha detto la sua ed a modo suo.

Ma nessuno sinora, a parte la data di cui sopra, è stato però in grado di consegnare dati certi e ufficiali.

Qual è la reale intenzione della Regione e di Sacal?

Cosa intende fare il Comune di Crotone, che aveva pubblicamente manifestato la volontà di acquistare quote di Sacal, ma che stranamente invece, nelle ultime settimane, si è pian piano defilato?

E la famosa compagnia aerea che dovrebbe volare da e per Crotone, qual è?

Esiste un piano generale e dettagliato in merito?

E infine, dichiarazioni del sottosegretario Bianchi a parte, chi garantisce che gli ex dipendenti verranno tutti riassorbiti, ammesso che il S. Anna riapra?

Premettiamo e precisiamo: saremmo ben lieti di ricevere delle plausibili risposte e di essere immediatamente smentiti.

Intanto, fra il silenzio quasi generale, ad eccezione del Comitato Aeroporto di Crotone, che domattina alle ore 10.00 manifesterà proprio davanti lo scalo crotonese, l’euforia comincia a scemare, le illusioni a disilludersi, e il tempo a volare.

Solo lui, per il momento.

Vuoi vedere che alla fine abbiamo capito male, e i bugiardi siamo noi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here