Tu chiamale se vuoi, precisazioni.

Puntuali, piuttosto opportune e anche dettagliate, politicamente, istituzionalmente e tecnicamente, quelle esternate dal leader de La Prossima Crotone Enzo Sculco, da noi telefonicamente interpellato in merito agli importanti ed estesi interventi urbani già in essere e già programmati, che nello specifico, proseguiranno anche nelle prossime settimane e nei mesi a venire.

“I lavori già iniziati, e altri che partiranno nei prossimi giorni, fanno parte di un preciso programma di attività per il quale la Giunta Pugliese e la struttura tecnica, lavorano da oltre un anno.

E ora, cosa del tutto normale, arrivano a conclusione, entrando nel vivo della fase di apertura dei cantieri in tutta la città.

Come è noto a tutti – precisa Enzo Sculco – per aprire uno o più cantieri, bisogna innanzitutto e necessariamente procurare i finanziamenti. E questo, è stato fatto da tempo, cosi come si è provveduto   all’avvio di tutte le procedure amministrative e di individuazione delle imprese che devono realizzare le opere.

A seguito di tale iter, inevitabile e obbligato dalla legge, tutti i cantieri possono via via partire. Cosa che infatti sta già avvenendo in questi giorni, e avverrà ancor di più nelle prossime settimane.

Infatti, i lavori che riguardano il ripristino del manto stradale cittadino, che vanno effettuati quando non piove, e sulla rete fognaria cittadina, a evitare lo spiacevole e atavico problema dello sversamento in spiaggia, sono ormai in fase di completamento.

A breve – spiega Sculco – come da programma, partiranno inoltre altri importanti interventi, che riguardano diverse zone e quartieri della nostra città.

E sottolineo ciò, perché è giusto “dare a Cesare quel che è di Cesare”, senza ovviamente togliere niente a nessuno, e a chi, dotato di dinamismo e buona volontà, sta portando avanti quotidianamente lavori già avviati e programmati.

Dopo una fase lunga due anni, grazie all’attività programmatica, di ricerca ed individuazione dei finanziamenti da parte della Giunta Pugliese, Crotone potrà finalmente cambiare volto, colmando i tanti gap infrastrutturali sin qui accumulati e di cui soffre da troppi anni ormai.

A seguire, molte altre iniziative saranno messe in campo, per decine e decine di milioni di euro, grazie ad una poderosa attività politica ed  istituzionale, realizzata insieme al positivo e costruttivo dialogo portato avanti insieme alla Regione ed al presidente Mario Oliverio, che come tutti ricorderanno, fu celebrato nello straordinario e partecipato evento al Museo di Pitagora il 13 dicembre 2017.

Ma tutto questo spetterà al sindaco raccontarlo in modo più puntuale e approfondito alla città.

Iniziativa che ha segnato un significativo punto di svolta, e nella quale sono stati sbloccati ben 180 milioni di euro in favore della città di Crotone, che nei prossimi due anni, grazie a questi investimenti, potrà cambiare volto e realizzare un grande processo di crescita e di sviluppo.

Tra questi investimenti, si segnalano in modo particolare, i 62 milioni destinati alla riscoperta dell’Antica Kroton, per la quale tutti gli atti sono già stati sottoscritti con la Regione.

Nelle prossime settimane, saranno avviate tutte le procedure di avvio delle attività, che consentiranno l’apertura di tutti i cantieri, e insieme ad essi, finalmente, si potrà sentire il musicale “fragore dei cantieri”, un suono che a Crotone non si ascoltava ormai da una vita.

In sede politica, cosi come in sede amministrativa, comprendiamo benissimo che tutto questo movimento cantieristico provocherà dei disagi, alla città ed ai cittadini, tuttavia è inevitabile che si verifichino degli inconvenienti per i quali gli stessi cittadini sono pregati di tenere conto e di avere la necessaria pazienza.

Tutto ciò infatti è necessario, affinché la qualità della vita in città migliori in maniera esponenziale.

A tal proposito – conclude Enzo Sculco – stiamo invitando, come Prossima Crotone, l’amministrazione comunale, a conciliare, articolare e spalmare in modo appropriato tutte le attività in programma, allo scopo di evitare i disagi che potranno essere evitati, venendo incontro di fatto, a tutti i cittadini e alle diverse attività commerciali ed economiche.

Non si può non esprimere soddisfazione, per il lavoro che è stato già realizzato, che, finalmente, sarà visibile a tutta l’opinione pubblica cittadina”.