A conclusione di questa ricca esperienza, particolarmente significativa sotto il profilo umano, personale e professionale, desidero rivolgere un saluto alla cittadinanza e ringraziarla per la semplicità e la vicinanza con la quale mi ha accolto, unitamente a quanti, nelle istituzioni, nelle associazioni e nelle comunità civili e religiose mi hanno accompagnato in questo difficile incarico con capacità professionale, collaborazione, apertura al dialogo ed anche, spesso, amicizia. 

Nel salutarvi, mi permetto di darvi un consiglio non richiesto: diffidate dai promotori di soluzioni semplicistiche e da quelli che dicono sempre no senza costruire niente; non perché io creda che siano mossi da particolari interessi, almeno non tutti, ma perché le loro “passioni viscerali” sono suscettibili di innescare meccanismi di autodistruzione. 

Ottengono forse facili consensi, ma lo fanno a spese della loro e della vostra salute, per la quale, vi voglio e vi posso assicurare, ho sempre avuto la massima attenzione e considerazione.

Ringrazio davvero tutti di cuore, anche coloro che in questi giorni mi stanno enormemente facilitando il distacco dal vostro bellissimo mare e dalla vostra città a cui, in questi ventiquattro mesi, ho sentito di appartenere un po’ anch’io. 

Con l’auspicio sincero che la nuova fase di bonifica “vera” che si sta per avviare possa finalmente segnare la ripresa e lo sviluppo della vostra comunità, porgo a tutti voi un affettuoso saluto.

Elisabetta Belli