Dubbi ce ne sono molto pochi.

Resta solo da capire se, da una settimana a questa parte, e se tutto va bene sino alla prossima, il Comune di Crotone continuerà ad essere “chiuso” o “aperto” per ferie…

E non si tratta solo di una estiva esagerazione, bensì invece di quanto si è visto all’interno del palazzo comunale in questi giorni pre e post ferragostiani.

Sia chiaro, con ciò non vogliamo certo dire che anche sindaco, dirigenti e Giunta non abbiano diritto ad un po’ di riposo, ma da qui, a constatare purtroppo che gli uffici comunali sono pressoché vuoti e “inutili”, la differenza è sostanziale.

Troppo pochi gli addetti dei vari uffici, che anche in agosto, feste comandate a parte, dovrebbero poter garantire ai cittadini il giusto supporto ed assistenza in caso di specifiche richieste.

Per non parlare poi di problemi improvvisi, o emergenze, per i quali in assenza del sindaco, dovrebbe rispondere il suo vice o chi per lui delegato.

Niente di tutto questo.

Una citta’ di circa 60.000 abitanti, che non va mai in ferie, non può non poter contare su di un Comune funzionale o quasi, anche ad agosto, quando invece numeri alla mano, soltanto il 20% dell’organico era regolarmente presente negli uffici di competenza.

Se non si riesce ad organizzare la turnazione delle ferie, immaginiamoci il resto…