CROTONE: 1 Cordaz, 5 Golemic, 6 Gigliotti, 7 Mustacchio, 10 Benali, 17 Molina, 18 Barberis, 20 Maxi Lopez, 21 Zanellato, 30 Messias, 34 Marrone. A disp.: 12 Figliuzzi (GK), 22 Festa (GK), 9 Nalini, 11 Vido, 13 Bellodi, 14 Crociata, 15 Itrak, 19 Gomelt, 23 Mazzotta, 25 Simy, 26 Evan’s, 28 Rutten, 29 Panza. All. Stroppa

JUVE STABIA: 25 Russo, 7 Melara, 9 Rossi, 13 Izco, 19 Addae, 20 Troest, 23 Germoni, 28 Vitiello, 29 Carlini, 32 Forte, 34 Mezzavilla. A disp.: 26 Branduani (GK), 3 Ricci, 4 Boateng, 5 Calo, 6 Allievi, 8 Vicente, 10 Di Gennaro,
11 Bifulco, 16 Cisse, 17 Del Sole, 18 Canotto, 21 Elia. All. Caserta

Un sinistro da dentro l’area di Mustacchio, il migliore in campo, sugli sviluppi di calcio d’angolo in pieno maxi recupero, 9 minuti, regala di fatto tre importantissimi punti scacciacrisi al Crotone, quando ormai stava per manifestarsi l’ennesimo e deprimente pareggio casalingo.

Il secondo gol di Benali, arrivato un minuto dopo, chiude definitivamente la gara, e consente cosi ai rossoblu di poter festeggiare una vittoria molto attesa e soprattutto meritatissima.

Solo il caso, i due portieri della Juve Stabia e i legni infatti, non hanno permesso al Crotone di sbloccare prima una gara sicuramente insidiosa, ma ampiamente in mano dei ragazzi di Stroppa, dal primo all’ultimo istante.

Tre punti preziosi e rigeneranti, che consegnano al Crotone la giusta serenità, ma anche la piena consapevolezza dei propri mezzi e potenzialità, ma anche che il campionato è appena iniziato ed i margini per tornare presto in alto ci sono tutti.

Venerdi a Pescara il primo e valido banco di prova.