L’APPELLO DELLA REGIONE CALABRIA