Ma porco zio, doveva arrivare il terribile e famigerato Coronavirus per vedere ed ammirare la nostra amata Crotone così bella?

E per bella, a parte il meraviglioso paesaggio, intendiamo l’ordine e la pulizia che regna in città nelle ultime settimane.

Allora, inevitabilmente, una domanda ce la poniamo: vuoi vedere che i principali artefici del disordine e della sporcizia generale, sui quali molto contrariati puntavamo il dito eravamo anche noi?

Allora, siccome nulla succede per caso, e molto spesso alcuni eventi, anche i più seri, servono per farci riflettere, perché a pandemia esaurita o quasi, non ci impegniamo a mantenere Crotone così come la stiamo “vivendo” in questo periodo di quarantena?

Non crediamo si tratti di un grosso sacrificio, perché forse abbiamo finalmente capito che la vita è fatta di priorità, di cose essenziali e vitali, dopo di che tutto il resto.

Abbiamo avuto ed abbiamo grande rispetto per la vita, ora che sappiamo che purtroppo tutto può cambiare in un’istante? Si. E allora, quando torneremo per strada, non dimentichiamo ciò che abbiamo visto e vissuto, e continuiamo ad amare e rispettare la nostra città.

Il nostro prossimo, e noi stessi.

P.S. Se a lockdown terminato le nostre strade saranno piene di mascherine e guanti abbandonati, allora vorrà dire che “gli altri” siamo noi, e che non avremo capito proprio niente!