Riceviamo e pubblichiamo

Rossella Parise e Andrea Correggia

La città di Crotone con Rossella Parise potrebbe avere per la prima volta un sindaco donna . L’intuito, l’accortezza e la sensibilità che solo una donna possiede si conciliano nel caso specifico con un curriculum di tutto rispetto. Ma soprattutto è una persona non legata a burattinai di alcun genere e a quegli interessi personali di molti amministratori pubblici che sopravvivono con la politica.

Una donna alternativa. Sul suo nome potrebbero convergere i voti anche di elettori di altri partiti diversi dal Movimento 5 Stelle. Parise, crotonese doc. è arrivata a ricoprire importanti cariche dirigenziali nella Polizia di Stato dominata da uomini. Ha dimostrato di saper gestire persone e situazioni oltre a conoscere molto bene le “criticità” del nostro territorio.

Ilario Sorgiovanni già candidato sindaco nella passata tornata elettorale per il Movimento 5 Stelle ha fatto un passo indietro e ha proposto la Parise. Un asso contro le voci di incompetenza e superficialità che perseguitano (anche a ragione) gli amministratori pentastellati e non solo. Nessun passo indietro invece intende fare Andrea Correggia ambizioso giovanotto pentastellato desideroso di sedere sulla prima poltrona del palazzo comunale. Peccato che non abbia neanche lontanamente un curriculum che possa competere- come altri perfino autocandidati- con quello della Parise.

Una candidatura questa che nessuno al di là delle convinzioni politiche dovrebbe sciupare per non finire di favorire i soliti noti.

Rolando Belvedere
Presidente della Sezione Calabrese
Associazione nazionale libero pensiero Giordano Bruno