Votare il meno peggio alle prossime amministrative? No. E perché mai così dovrebbe essere? Sarebbe, a nostro modesto avviso, un ragionamento ed un modo di fare completamente errato.

Eppure lo abbiamo sentito dire molto spesso.

Sarebbe sbagliato perché significherebbe accontentarsi, perché significherebbe non informarsi ed approfondire adeguatamente, non ascoltare attentamente tutti i candidati a sindaco della nostra città, e non conoscere sufficientemente la storia professionale e politica di ognuno di loro.

E vorrebbe dire soprattutto, farsi piacere, o farsi bastare la semplice e piatta “normalità”. Che poi, per dirla tutta, tanto normale non lo è. Un “minestrone politico” insapore e mal assortito e, fidatevi, molto difficile da digerire.

Una “normalità” senza novità, senza acuti, senza ambizioni, senza un futuro certo. E molto probabilmente anche senza governabilità. Semmai.

Peggio che andar di notte, se poi affidassimo le chiavi del palazzo comunale e del nostro destino di buoni e speranzosi cittadini, ad una “revolution band”, e ad un aspirante “capo popolo” mosso ed animato da tumultuose e confuse idee, tese soprattutto a distruggere più che a costruire qualcosa di concreto, credibile e duraturo.

Siamo più che convinti che la politica, quella vera, quella che parte e guarda oltre, sia ben’altra cosa. Sarebbe a dire, affidabilità, professionalità, esperienza e progettualità, poggiate su argomenti reali, seri e ben visibili. Senza tanti fronzoli ed improvvisazioni.

Perché dunque votare il meno peggio, se si può ambire e pretendere legittimamente il meglio?

Un po’ come se una squadra di calcio costruita per vincere il campionato, si accontentasse invece di vivacchiare e di lottare per non retrocedere. I suoi tifosi sarebbero contenti di tutto ciò? Ma sicuramente no.

Bisogna giocare per vincere, non per essere normalmente mediocri, o affidare la nostra città a chi addirittura, nei suoi “monotologhi”, parla di sé stesso in terza persona…

Neanche Nostro Signore lo faceva.

I quattro candidati a sindaco della città di Crotone, questa sera nuovamente di fronte nel faccia a faccia su Esperia TV.