“La presente vale come comunicato unitario da parte dei dipendenti della Abramo CC, impegnati, fino al
30/09/2020, sulla commessa ChiamaRoma060606, non più attivi sul servizio da giorno 01/10/2020, data in
cui è subentrata la Cooperativa Sociale Acapo.

Ci troviamo a dover difendere la nostra dignità di fronte alla pubblica opinione, in seguito a continue
dichiarazioni rilasciate da parte della Dott.ssa Cianciarelli, presidente della suddetta cooperativa, dalle quali
traspare, nei nostri confronti, un mero pregiudizio legato alla scarsa voglia di lavorare e mancanza di
professionalità.
E’ giusto che l’opinione pubblica conosca anche il nostro punto di vista. Punto di vista condiviso con le sigle
sindacali e politici che, con il loro impegno, si sono fatte parti attive nella difesa del diritto al lavoro
riconosciuto a tutti noi.
Abbiamo appreso in data 01/09/2020 che, nei nostri confronti, è stato avviato da parte dell’azienda
uscente un procedimento di licenziamento collettivo, nato in seguito alla volontà di Consorzio Leonardo, di
“rispettare” la clausola sociale, prevista nei cambi di appalto. Per noi quindi si sarebbe dovuto attivare un
semplice cambio di intestazione della busta paga, con il conseguente mantenimento dei livelli di
retribuzione in primis, degli scatti di anzianità e delle mansioni, acquisiti in cinque anni di onorato servizio
sulla commessa del Comune di Roma.

Durante il mese di Settembre, siamo stati travolti, insieme ai colleghi del call center di ANAC, da un triste
destino che, altro non ha fatto, che incupire i nostri animi, già fortemente provati dalla realtà sociale che
tutto il mondo vive oggi.
Cercheremo di dare a tutti alcuni punti focali da cui partire.
La clausola sociale è riconosciuta dalla L. 11/2016 e fa in modo che la ditta subentrante in un qualsiasi
appalto, in cui questa è prevista, non possa esimersi dal farsi carico del personale in forze, della ditta
uscente.
E’ vero, dopo molti anni di servizio passati nella nostra azienda, alcuni di noi hanno sofferto del trattamento
ricevuto, ma vista la necessità, da parte di tutti, di voler conservare e mantenere il posto di lavoro, dopo
aver attutito il colpo, abbiamo atteso fiduciosi quello che possiamo definire un “trasloco”.
Si sa, quando si cambia casa, tutti noi dobbiamo decidere di lasciare qualcosa alle nostre spalle.
Bene la Società subentrante, ci ha chiesto di lasciare mansioni, anzianità e parte della busta paga,
chiedendoci di accettare in silenzio le uniche condizioni che poteva offrirci:
passare da un contratto delle Telecomunicazioni ad un contratto delle Cooperative sociali.
Solitamente, lo studio della matematica si inizia alle elementari, quindi anche i più piccoli, potranno
comprendere che tra un contratto e l’altro ci sono differenze dei minimi tabellari, che avrebbero ridotto gli
stipendi da un massimo di 390 – 400€, per i lavoratori a tempo pieno, fino ad un minimo di 120€ per i
dipendenti assunti con contratto part – time.

Ma come? Il Governo parla di tutela dei dipendenti, di sgravi fiscali, avverte che nessun cambiamento
avverrà nelle tasche degli italiani e poi accadono queste cose?
Complice il referendum, le elezioni regionali e amministrative, nelle quali sono stati impegnati gli
esponenti politici del Governo, noi abbiamo dovuto lottare e urlare più forte affinchè qualcuno potesse
ascoltare la nostra voce.
E mentre sindacati e rappresentanti politici stavano al nostro fianco, comunicando a gran voce che siamo
di fronte alla creazione di un assurdo precedente, che legittima l’assegnazione delle Gare CONSIP a ribasso,

la presidente Cianciarelli, in giro per le testate locali calabresi e romane, comunicava che si trattava di
“fantomatici peggioramenti”.
Forse per applicare appieno la mission della Acapo, nella quale è largamente decantata la vicinanza alle
categorie svantaggiate e ai lavoratori, con un senso di solidarietà degno di una così influente figura
manageriale come quella della Dott.ssa Cianciarelli, la stessa, potrebbe decidere di decurtarsi lo stipendio,
mostrando che anche lei avrebbe accettato una proposta così vantaggiosa.
Ma noi siamo semplici operai specializzati, guardando l’inquadramento contrattuale che ci è stato proposto
e nonostante tutto, sappiamo quanti sforzi devono fare gli imprenditori nel mantenere ad oggi strutture
complicate come i call center, quindi non le chiediamo un così grande sforzo.
Le chiediamo perciò, di evitare di diffamare un gruppo di lavoratori, nel quale è riuscita ad attivare conflitti
e differenze di trattamento, procedendo con le assunzioni degli unici 13 dipendenti che hanno deciso di
accettare la proposta, concedendo loro come premio un maggiore monte ore.
Chi prima nasce, prima pasce.
E lo sa bene lei, che con un organico di circa 1120 unità dislocate sul territorio italiano, punta il dito sulle
multinazionali che, al contrario delle Cooperative sociali, non godono degli stessi sgravi fiscali.
Per fare impresa al giorno d’oggi, basta costituire una cooperativa sociale di tipo B, partecipare alle gare
pubbliche abbattendo la concorrenza grazie al minor costo del lavoro previsto dal CCNL. Adam Smith
teorizzò questo concetto nel 1770 circa.
Nonostante tutti gli sforzi fatti, noi siamo al momento in cassaintegrazione in attesa che qualcosa si muova.
Di certo sembra solo che dobbiamo riappacificarci con la Presidente Cianciarelli, la quale sembra nutrire un
senso di risentimento nei confronti di questo gruppo di operatori telefonici.
L’augurio che ci facciamo è di riprendere presto a svolgere il nostro lavoro, un lavoro umile certo, se così si
può definire un servizio a favore dei Cittadini di Roma, ma un lavoro che prevede garanzie che forse una
cooperativa non può permettersi”.

Gli ex operatori

Chiama Roma 060606

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here