La Giunta regionale, per la prima volta a Crotone, presente questa mattina su sollecitazione della consigliera Flora Sculco a seguito della alluvione che ha duramente colpito il territorio, dopo aver chiesto al Governo lo stato di emergenza, si è pubblicamente impegnata ad intervenire molto presto a sostegno degli imprenditori e cittadini crotonesi messi in ginocchio dall’evento calamitoso. Una presenza sicuramente molto importante e significativa quella della Giunta regionale, che adesso dovrà mettere in pratica tutte le azioni possibili a rimettere in piedi Crotone, la sua gente e la sua già debole economia.

L’INTERVENTO DI SPIRLÌ

«Considero Crotone la capitale di questo territorio colpito. Ogni casa di un Calabrese è casa di tutti i Calabresi. Ringrazio il sindaco Voce e il consigliere regionale Sculco per il loro impegno sul territorio, i presidenti delle Regioni e il ministro Boccia per la loro vicinanza. Non ci lasceremo soli a vicenda. Insieme possiamo, da solo non ce la farà mai nessuno. La partigianeria non serve a nulla. Ieri ho sorvolato questa zona e ne ho visto le ferite. Siete un polmone della nostra economia, in particolare della nostra agricoltura. Gli assessori regionali, in questo senso, stanno già lavorando molto sui luoghi interessati. Non si può stare con le mani in tasca mentre la Calabria muore. La Protezione civile ci ha assicurato un intervento veloce per famiglie e imprese».

«La mala gente, a partire da Caino, è sempre esistita. Ma ciò non riguarda la maggioranza dei Calabresi. Per quanto riguarda la Sanità, gli ospedali da campo ci aiuteranno in questa emergenza nell’emergenza».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here