Sembrerebbe una barzelletta, ma purtroppo non lo è affatto. L’amministrazione di un Comune infatti è una cosa seria, e con i soldi pubblici non si scherza per niente. Soprattutto quando questa amministrazione comunale non trova qualche centinaio di euro per acquistare un computer (anche usato), per tentare di far funzionare “al meglio” o un po’ meglio la macchina amministrativa, e nello specifico del caso le Commissioni consiliari, propedeutiche a quanto poi dovrebbe discutere un Consiglio comunale degno di questo nome.

Commissioni che però (in tempi di annunciata austerità e ristrettezza economica), sono costrette a lavorare, maluccio ed in tempi brevi con un solo computer a disposizione, e con gli evidenti e conseguenti disagi del caso. Commissioni consiliari che si accavallano, problemi anche per effettuarle in remoto e per renderle visibili in streaming, come da regolamento.

Vedi per esempio conferenza dei capigruppo di quest’oggi, in preparazione del Consiglio comunale, rinviato appunto a venerdì 18 dicembre.

E intanto, i numerosi ed urgenti problemi che interessano ed affliggono Crotone con la più bassa qualità della vita d’Italia, aspettano. Gli impianti sportivi continuano a rimanere chiusi e malandati, Antica Kroton non decolla, mentre il deprimente e galoppante scadimento socio economico cresce a dismisura, ed è sotto gli occhi di tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here