Riceviamo e pubblichiamo

Articolo, risposta all’Avvocato Cerrelli e alla Consigliere Cavallo, gli studenti dell’istituto Pertini di Crotone ‘

Nessun indottrinamento “gender” nel nostro Istituto!

Crotone- Oggi, 29 gennaio, abbiamo voluto esprimere il nostro dissenso alle parole dell’avv. Cerrelli e il consigliere Cavallo “Il vero pericolo per gli studenti dell’Istituto Pertini – Santoni  di Crotone non è il Covid, ma l’indottrinamento “gender”, delusione e amarezza sono gli aggettivi all’unanime dalle considerazioni fatte tra noi studenti, in un momento in cui il razzismo, la discriminazione e la violenza di genere hanno devastato il nostro paese seminando odio e distruggendo la dignità dell’ uomo.

Noi studenti non riteniamo accettabile che il nostro Istituto venga così offeso, e che vengano accusati i nostri professori, coloro che ci insegnano il rispetto verso il “diverso”, perché alcune persone sono banalmente considerate diverse se hanno un colore della pelle che non è come il nostro, se credono in una religione e un Dio che non è il nostro, se hanno opinioni e idee differenti dalle nostre, se hanno un orientamento sessuale differente dal nostro, perché bisogna discriminare e deridere, anche in modo violento, ciò che non è uguale a noi?
Perché c’è la necessità di fomentare l’odio verso il diverso sottolineando le differenze?

Perché, al contrario, conoscendole ed approfondendole, non ci si apre alle diversità, arricchendo ed ampliando la nostra cultura, guardando oltre il nostro piccolo mondo, apprendendo a convivere in modo pacifico e sereno?
Ma chi è veramente il “diverso”?
Il “diverso” al giorno d’oggi nel 2021, è dappertutto nelle istituzioni, nell’istruzione e nella politica, solo che a volte è nascosto e a volte ha il coraggio di esporsi al mondo, ma se non critica la chiesa chi siete voi per giudicare?
Noi come giovani studenti siamo scandalizzati da come la politica utilizza alcune tematiche per colpire le altre correnti, come in questo caso coinvolgendo i giovani e i professori dell’Istituto Pertini con questo articolo.
Pertanto diventiamo confusi quando un consiglio comunale non riesce a rimediare con una mozione opposta e contraria e fa diventare Crotone Omofoba.
Abbiamo eletto politici che non sono in grado di difendere i valori della civiltà, incapaci di impegnarsi seriamente nelle tematiche dei giovani , visti gli episodi gravi che succedono nella nostra città e l’unica cosa intelligente che riescono a creare è un “Whatsapp Amico”.
I giovani non vanno strumentalizzati per le proprie ambizioni ideologiche , questo vuol dire praticare una politica sporca, noi dobbiamo essere sostenuti, ascoltati , abbiamo diritto ad un cambiamento sociale, ideologico , culturale e politico, per avere un futuro migliore.

Gli alunni della 5^ CTG, dell’Istituto Pertini di Crotone