Post pubblicato questo pomeriggio dal sindaco di Crotone sulla sua pagina Facebook. Oggetto, la perenne emergenza rifiuti in città.

“Indipendentemente dalla delusione sulla persona del Sindaco vi spiego che succede.
Quando vediamo (li vedo anche io) i rifiuti per strada abbiamo problemi non nella raccolta, ma nel conferimento presso l’impianto di Ponticelli.
I rifiuti non possono andare in discarica tal quale, ma devono passare da questi impianti di TMB, anche se di fatto quasi tutto poi se ne va in discarica.

Qualunque problema si presenta a sua volta sul conferimento degli scarti prodotti al TMB di Ponticelli, che vanno in discarica o al termovalorizzatore di Gioia Tauro, si blocca l’impianto e a sua volta la raccolta su strada.
Questo purtroppo sta avvenendo con una certa frequenza da quando mi sono insediato (prima a causa dell’alluvione, poi per altri problemi).
Detto ciò, sto separando l’ufficio ambiente da quello del settore urbanistico, sto aumentando nell’ambito della Provincia (ATO Rifiuti) i quantitativi di conferimento della nostra città presso il TMB. Da domani fino all’uscita dall’emergenza gli impianti di Ponticelli lavoreranno anche di domenica, per cui da domani vedrete diminuire i rifiuti per strada. In queste settimane ho preso contatti e incontrato i tecnici del CONAI affinchè ci aiutino nella progettazione del ns. sistema di raccolta differenziata.

Sto cercando di recuperare un vecchio finanziamento regionale che per quattro anni è stato al palo e ho portato alla Regione Calabria un conto di 10 milioni per royalties che nessuno ha chiesto. Tenete conto che ho trovato AKREA con mezzi vecchi di 30 anni, lavoratori con età media elevata e il 50% di loro ha prescrizioni mediche. Nel frattempo tenete conto che abbiamo esaurito la discarica da 4.000.000 di ton (SOVRECO) e dobbiamo fare ogni volta l’elemosina per conferire 1.000 ton a Lamezia o a San Giovanni in Fiore.
Tutti i cittadini hanno ragione da vendere a lamentarsi ed io non ho problemi a chiedere scusa a tutti per i disagi, come ho fatto più volte in questi mesi.

Sappiate però che su 100 persone a cui arriva la bolletta della TARI 40 non la pagano e i soldi che non incassa il Comune vengono meno per tutto il resto. Obiettivo prioritario è la raccolta differenziata, ma ci vogliono un bel po’ di milioni. La sfida è questa. Vedremo anche quanti mesi impiegheremo a fare una buona raccolta differenziata, prima che i cittadini si adeguino”.
Con affetto Vincenzo Voce