Crotone è in ginocchio. E in questo caso non si parla solo di pandemia e delle già terribili conseguenze da essa causate, ma dell’ennesimo problema legato a servizi essenziali per i cittadini, che in questa città ormai non esistono quasi più.

Sono giustamente scesi in piazza per protestare e chiedere lumi ed informazioni al sindaco Vincenzo Voce, i lavoratori del trasporto scolastico ed i genitori dei bambini che, purtroppo, da ieri sono senza lavoro e non possono più beneficiare dell’importante servizio.

Lo stesso infatti, è stato sospeso dal Comune di Crotone (in palese difficoltà organizzativa ed economica), a partire da ieri, e molto probabilmente sino al 31 marzo. Dopo di che, se i tempi del bando di gara in corso verranno rispettati, il servizio di trasporto scolastico dovrebbe riprendere subito dopo Pasqua.

Si attendono ovviamente notizie ufficiali dal sindaco, che proprio in queste ore ha ricevuto una delegazione di lavoratori e genitori presenti questa mattina in piazza della Resistenza.