Riceviamo e pubblichiamo

Ad oggi la continuità territoriale, riconosciuta nel 2002, che si concretizza con l’imposizione degli oneri di servizio per l’aeroporto di Crotone tramite lo stanziamento di fondi in Bilancio è ferma ad un palo.
Il responsabile del procedimento presso il Ministero dei Trasporti ci ha confermato già da alcune settimane che si procederà ad una nuova conferenza dei servizi.
Quindi, è tutto da rifare. Ci sono i fondi stanziati dall’ex Ministro Toninelli nel lontano 2018, circa 9 milioni di euro, ci sono altri fondi presso l’Enac ma non ci sono i voli!!!

Abbiamo provveduto a sollecitare la Regione ed il Ministero dei Trasporti senza alcun risultato.
La nostra paura è che la conferenza dei servizi possa essere indetta dopo le elezioni regionali e quindi far slittare tutto l’iter a fine 2022.
Faremo di tutto affinché ciò non avvenga.

Abbiamo ribadito nuovamente la necessità di un ponte aereo di emergenza per Roma e Milano perché non è accettabile viaggiare per Milano ed impiegare 22 ore!
Per il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone tutto ciò che avviene in termini di mobilità nella nostra terra non è accettabile visto che altrove si progetta il futuro: nuove strade, nuova alta velocità e nuove rotte!!!

Giuseppe Martino

Comitato Cittadino

Aeroporto Crotone