Post pubblicato e poi cancellato dalla pagina Facebook “Io ho un sogno per Crotone“.

“Sfiduciato il Presidente di maggioranza della commissione ambiente Salvo Riga”

Da oltre un mese, ed esattamente dal 5 marzo, è stata recapitata al Comune a mezzo PEC una missiva con destinatari il Presidente della commissione ambiente, Salvo Riga, nonché i componenti della stessa commissione, ebbene la stessa giace ancora nelle tasche del Presidente senza che questo abbia sentito l’obbligo e la necessità di trasmetterla ai consiglieri destinatari, tantomeno convocare la commissione per discuterne.
Un grave episodio di scarsa trasparenza, per giunta su una questione importantissima per la comunità su cui si è giocata e vinta la tornata elettorale, e grazie alla quale lui stesso, insieme ai tanti della maggioranza, oggi siedono in consiglio comunale.

Il documento di cui non si può parlare così iniziava,
“Caro Presidente e cari componenti della V Commissione, come voi tutti penso sappiate la tematica ambientale ed in particolare quella della bonifica è stata al centro del dibattito politico durante la campagna elettorale, nonché principale argomento su cui il nostro Sindaco per diversi anni ha concentrato le proprie sensibilità ed attenzioni, intraprendendo anche importanti “battaglie” a difesa del territorio e della comunità. Ebbene, oggi, sebbene siano passati già diversi mesi dall’insediamento del nostro Sindaco e di codesta Commissione, i cittadini e la comunità non hanno ancora avuto il piacere di poter udire di iniziative di codesto Ente o commissione su tale importantissima tematica, tantomeno ci è dato sapere quali intenzioni ha l’Ente in merito alle pratiche sul tema ancora aperte…. etc. etc. etc.”
Il finale invece contiene una richiesta di discussione pubblica sugli argomenti, la richiesta di atti di indirizzo del Consiglio Comunale nonché prescrizioni al PSC ed iniziative atte a prevenire e scongiurare i gravi pericolo che pendono sul destino della città sulle vicende ambientali

Salvo Riga, dunque, novello consigliere comunale di cui nessuno aveva udito, fino alla salita allo scranno comunale, di forme di interessamento sulle gravi vicende ambientali cittadine, in autonomia decide di censurare argomento e dibattito, omettendo pure un doveroso atto di ufficio.
La questione non è solo uno sgarbo istituzionale, bensì un fatto molto grave, forse sintomo di un clima diverso rispetto alle premesse della campagna elettorale, un aria che non ci piace affatto, per questo riteniamo che si più che opportuna la sfiducia immediata del presidente della commissione ambiente ed un immediato chiarimento, prima ancora che nella maggioranza, alla città ed ai cittadini.

Riga deve essere sfiduciato, per le gravi ragioni di cui sopra, mentre il Sindaco, sino adora (senza)Voce, deve immediatamente chiarire cosa hanno intenzio di fare sulla tragica questione ambientale”.

Attendiamo ovviamente di saperne di più e meglio, magari dai diretti interessati chiamati in causa nel misterioso post.