Riceviamo e pubblichiamo

Approfittiamo della giornata internazionale contro l’omofobia
per intervenire e portare un nostro contributo volto non solo ad
affrontare un argomento così delicato ma provare a suggerire
qualche percorso che possa suscitare una sensibilizzazione
particolare al tema.
Intanto, come Officina Civica esprimiamo la nostra
condivisione al, tanto chiacchierato e forse poco compreso, DDL Zan
e prendiamo le distanze da quanto accaduto nel Consiglio Comunale
di Crotone il quale ha votato una mozione contro tale decreto di legge
generando confusione.

Condividendo il pensiero di illustri psichiatri che dichiarano
come l’omofobia trae nutrimento dalle ideologie, dal pregiudizio,
dalla religione e dalla politica, e può portare, come spesso vediamo ai
giorni nostri, ad atti e comportamenti altamente discriminatori,
marginalizzanti che ledono i diritti umani sfogandosi il più delle volte
in atti di violenza che superano la decenza umana.
Proprio per questo , la politica si deve evolvere e deve lasciare
vincoli ideologici ormai superati. Anche a livello territoriale abbiamo
il dovere di lanciare messaggi chiari e di avviare percorsi virtuosi di
informazione e di “educazione” delle nuove generazioni al rispetto
reciproco, all’uguaglianza e al valore della libertà .
Officina Civica propone all’amministrazione comunale, oltre
che ad organizzare convegni sporadici, di avviare nelle scuole
cittadine una campagna contro la violenza e la discriminazione subite
dalle persone con diversità di genere che tralaltro si connette e
integra perfettamente con l’insegnamento dell’educazione Civica,
questo percorso potrà essere intrapreso con il coinvolgimento di associazioni territoriali antidiscriminazione e altre realtà che
operano in questo campo.
Per noi ogni cittadino deve essere LIBERO, di essere, di pensare,
di agire….Senza pregiudizi e nel rispetto delle regole .
Cinzia Sebastiani
Officina Civica Crotone