La notizia, che ovviamente abbiamo verificato, è di quelle molto importanti, e che non vorremmo mai scrivere, soprattutto quando come spesso accade, si parla di un tema assai delicato quale è la sanità.

Ma tant’e’, purtroppo. Ne prendiamo atto e vi raccontiamo cosa sta accadendo al San Giovanni di Dio di Crotone. Più specificatamente all’interno del reparto di Neonatologia che, da qualche giorno non fornisce più prestazioni ambulatoriali per i neonati che necessitano di visite, controlli ed esami strumentali quali per esempio, l’ecografia dell’encefalo o cardiaca. Le stesse infatti, non sono più prenotabili.

Una vera e propria emergenza.

Una incresciosa situazione, alla quale si è inevitabilmente arrivati a causa della penalizzante e perdurante carenza di medici e personale sanitario. Nell’eccellente reparto di Neonatologia infatti, dallo scorso dicembre ormai, sono solo 4 i medici impiegati, insieme a soli 15 infermieri, costretti purtroppo a turni massacranti, poco riposo, con tutte le possibili conseguenze, fisiche e tecniche che tale gravosa situazione potrebbe scatenare.

Da qui la sofferta decisione dei medici di sospendere le attività ambulatoriali del reparto di Neonatologia, continuando però a garantire le emergenze. Quello che più di ogni altra cosa sorprende di questa triste storia, è il mancato intervento dei vertici dell’Asp di Crotone, che avevano annunciato di provvedere all’innesto di altri due medici. Promessa che però è stata sinora disattesa.

Precisiamo, a completezza della notizia, che il reparto di Neonatologia dell’ospedale crotonese, ridotto ai minimi termini, necessiterebbe a norma e regola di 8 medici e 25 infermieri.