Catanzaro: Sulle note di Rino Gaetano, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni arringa ed accende una nutrita folla di sostenitori.
E dopo un accorato e doveroso ricordo di Jole Santelli inizia il suo discorso: “non faccio promesse facili, non verrò qui a dirvi che spenderò soldi per cose cretine, e non vi chiederò di votare Fratelli d’Italia per interesse personale, se qualcuno vuole votare qualcuno per interesse, può votare a sinistra.
Bisogna creare le condizioni per il lavoro. La vera povertà è non poteter cambiare le condizioni, bisogna consentire alla Calabria di competere con le altre regioni.

Non è facile investire in infrastrutture, in Italia si perdono 70 miliardi di euro l’ anno per la mancanza di infrastrutture commerciali. Si preferisce Amsterdam ad un porto calabrese.

L’ Italia, laCalabria devono puntare non sulla quantità, ma sull’ unicità.
Nel nostro ordinamento la spesa per le infrastrutture è suddiviso sulla base della popolazione.
E se in Calabria non ci sono persone è perché non ci sono infrastrutture.

I nostri figli vanno all’estero perché noi ci dobbiamo occupare del Sud del mondo, perché del Sud dell’Italia non frega niente a nessuno.
Andare anche fuori, dalla propria realtà, dal posto in cui si è nati, deve essere una scelta, non una necessità, e non un’ imposizione.

La sanità va restituita ai calabresi.
Bisogna scandagliare i bilanci di tutte le Asl con la Gdf.
Le gestioni commissariali sono state disastrose”.